:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 38 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 1 10:30:51 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tamerisco IX seconda parte

di Salvatore Solinas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/05/2022 17:32:21

IX

 

Adelina tra lo spirito e la materia

 

“Secondo te, dove finisce la materia e incomincia lo spirito?” Alla mia espressione ottusamente assente Adelina continuava: “Secondo te, un bacio è un atto carnale o spirituale?” 

“Non saprei, dipende”

“E un brano della Bibbia, la Genesi per esempio, oppure Dante, dobbiamo considerarlo spirituale o materiale, carnale.” 

“Dove vuoi arrivare?” cominciavo a spazientirmi.

“Voglio dire che non è facile come sembra dividere la materia dallo spirito: quello che appartiene propriamente allo spirito e quello che è della materia, della carne. Spesso noi scambiamo per spirituale ciò che non è altro che il frutto dell’intelletto. Oppure gli attribuiamo una spiritualità solo perché ci commuove. Anzi solitamente diciamo che tutto quello che ci rende tristi, che ci fa soffrire è spirituale, e ciò che ci fa godere, che ci rende allegri e felici è della carne, della materia!”

“ Tu cosa ne pensi: il nostro amore appartiene allo spirito o alla carne?” domandai

“ Dipende: quando ci fa godere, appartiene alla carne, quando ci rattrista, allo spirito” Rispose con un’incantevole espressione di finta ingenuità.

“ Per la verità appartiene assai poco alla carne!” aggiunse. Proprio ora che la discussione cominciava ad interessarmi, Adelina la buttava in scherzo ed io, che amavo vederla spensierata e allegra, non osavo insistere. Per un momento mi era parsa giunta l’ora di rivelare il progetto di unire l’anima e il corpo nel rapporto sessuale, idea che aveva dato qualche risultato, in verità effimero, nei giorni passati. Non sapevo bene da dove cominciare e Adelina, quando mi vedeva interessato e coinvolto, guizzava via come una lucertolina, sempre pronta a ripararsi nella fessura del muro delle sue difese. D'altronde sarebbe stato necessario dare una definizione di anima, e per definire l’anima era d’obbligo parlare di Dio e non avevo voglia di imbarcarmi in quelle infinite, inutili discussioni  sull’esistenza di Dio che avevano riempito le uggiose sere da studente liceale. In vero non sono ateo, ma un Dio che non si può conoscere, che non si può vedere né sentire, non m’interessa. Non vedo come potrebbe interessarmi, anche se esistesse. Credo che se gli Antichi concepirono gli Dei chiusi nelle loro dimore, indifferenti alle umane disavventure, oggi l’uomo moderno o postmoderno, chiuso nel proprio Olimpo di frenetiche occupazioni, è completamente indifferente alla sorte degli Dei. Era notte fonda quando lasciammo l’albergo. La strada era deserta, eppure avevamo la sensazione di essere spiati. L’umidità calda e densa della sera faceva farfugliare i pochi lampioni che spandevano per terra una luce incerta. Uno di essi improvvisamente si spense lasciando un lungo tratto di marciapiede al buio. Adelina, che mi aveva preso a braccetto, mi serrò fortemente il braccio ed io per rassicurarla mi misi a canticchiare.

Da quella sera riprendemmo i nostri incontri nel mio appartamento.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Solinas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Solinas, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Tamerisco XIV parte seconda (Pubblicato il 27/06/2022 17:13:09 - visite: 32) »

:: Tamerisco XIII parte seconda (Pubblicato il 23/06/2022 18:23:12 - visite: 25) »

:: Tamerisco XII parte seconda (Pubblicato il 20/06/2022 17:17:28 - visite: 21) »

:: Tamerisco XI parte seconda (Pubblicato il 12/06/2022 16:44:16 - visite: 28) »

:: Tamerisco X seconda parte (Pubblicato il 27/05/2022 16:20:03 - visite: 36) »

:: Tamerisco VIII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 11:25:14 - visite: 49) »

:: Tamerisco VII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 08:50:31 - visite: 61) »

:: Tamerisco VI seconda parte (Pubblicato il 26/04/2022 16:51:11 - visite: 95) »

:: Tamerisco V parte seconda (Pubblicato il 18/04/2022 07:59:50 - visite: 60) »

:: Tamerisco IV parte seconda (Pubblicato il 25/03/2022 07:10:41 - visite: 116) »