:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 72 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 6 01:59:53 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Petricore

di Lilith50
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/05/2022 00:50:12

- Dai! -

 

- Dai cosa? -

 

- Andiamo di là! -

 

- Non mi va! -

 

- Come non ti va! Non ti piace più fare l’amore con me? -

 

No, mi fa schifo!, pensò lei, ma non glielo disse.

Mascherò tutto il suo disprezzo.

Lui era lì a riscuotere come un tributo il suo diritto coniugale.

Lei, abbandonata sul divano, la testa reclinata sul bordo dello schienale ed il braccio stancamente poggiato sulla seduta, con la mano a penzoloni verso il pavimento. Il suo sguardo lo aveva abbandonato già da tempo ma lui non se n’era ancora accorto, o gli conveniva, troppo preso ad assecondare gli istinti suoi per essere empatico nei confronti della moglie.

Era seduto sulle gambe di lei a cavalcioni, le accarezzava il viso e le baciava il collo.

Squallido e lascìvo.

Lei mal sopportava, chiaramente, tutto questo, il suo fetido alito, l’odore insopportabile della sua pelle, ma dissimulare le riusciva abbastanza bene. Solo a tratti la sua mano si chiudeva a pugno e strofinava nervosamente vicino alla gamba, come un gatto che agita e sbatte la coda prima che il suo pelo si gonfi.

 

- Sei ancora mia moglie, ricordi? Devi assolvere ai tuoi doveri coniugali!-

Ecco che allora lei mosse la testa e lo guardò dritto negli occhi:- Da qualche tempo usi espressioni arcaiche e i tuoi modi così autoritari, …credi che io sia una tua proprietà? -

 

- Certo, tu sei mia, è nel contratto di matrimonio! -

Come faceva a stare con una persona così?

Eppure, quando la prese per portarla di là, come diceva lui, non si oppose. Si limitò a lasciare libera la sua anima.

Avrai il mio corpo ancora una volta, non me. Io non sono di nessuno, pensò.

Così non provò niente quando lui la penetrò. I suoi baci e le mani a rovistare i suoi seni non le procuravano più alcun piacere. Dalla finestra aperta si udivano a distanza i primi tuoni. Un forte vento si alzò, caldo, e lei sentì l’odore della pioggia in arrivo: non viene giù dal cielo, si solleva dalla terra arsa dai giorni di giugno, fino alla narice.

Lui scese dal letto e andò in bagno.

Lei restò nuda, sdraiata ad aspettare il temporale come se quella pioggia potesse idealmente lavare via quell’odore insopportabile di saliva e farla ritornare candida come la sua anima che, lentamente, stava ritornando all’antica abitudine.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lilith50, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lilith50, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Folle come solo io! (Pubblicato il 04/06/2022 12:27:30 - visite: 827) »

:: Non baciarmi davanti alla porta (Pubblicato il 04/05/2022 10:16:01 - visite: 154) »