:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 41 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 7 07:19:22 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tamerisco XIII parte seconda

di Salvatore Solinas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/06/2022 18:23:12

XIII

 

La gita in campagna



Quella domenica prendemmo l’autobus e ci recammo a Vico Scanziano, una frazione di poche case attorno a una chiesetta medievale, che dista dalla città pochi chilometri. Dalla fermata dell’autobus si dipartiva un viottolo che portava in piena campagna. La fioritura era passata da molto tempo e le piante parevano al limite della resistenza nell’arsura che faceva da padrona, senza concedere loro una goccia d’acqua. Adelina le accarezzava amorevolmente e le nominava una per una man mano che si presentavano al lato dello stradino. Pensai ad Adamo ed Eva cui Dio aveva ordinato di dare un nome a tutte le creature viventi. Mi domandai se anche i nostri progenitori avessero avuto i nostri problemi nell’accoppiamento. Forse la forza del desiderio viveva in loro intatta, mentre in noi era indebolita dallo stress, dall’inquinamento, dal cibo artefatto, dai mille lacci psicologici che la società moderna ci impone. Et Venus in silvis iungebat corpora amantium, mi venne in mente. Certamente Lucrezio aveva sognato quell’epoca di felici amori, lui che faceva uso del precursore del Viagra e ne era rimasto vittima.

In un canale di scolo delle acque piovane, un gatto stava immobile a osservare un topino. Se questi faceva un benché minimo movimento, gli metteva sopra la zampa. Adelina ne rimase come ipnotizzata. Immobile anche lei, osservava la scena, e poi si mise a gridare parole sconnesse nell’intento di far fuggire il gatto. Siccome questo non le dava retta, scagliò una pietra che andò a cadere poco distante dai due. Il gatto ci fissò con occhi grandi e gialli e si allontanò indignato, il topo si imbarcò in un cespuglio scomparendo ai nostri occhi..

Dopo una passeggiata di circa trenta minuti, arrivammo a un prato, dove l’erbetta verde era sopravvissuta al calore della stagione. Posai per terra lo zainetto e distesi all’ombra di un castagno la coperta a righe azzurre e bianche che avevamo portato appresso. Sdraiati supini, guardavamo il cielo tagliato dal rapido volo delle rondini.

“Faresti l’amore qui all’aperto?” le domandai.

“Perché me lo chiedi, tanto so che non ne hai voglia. Tu sei troppo civile per fare l’amore senza avere a portata di mano l’acqua e il sapone per lavarti. Tu consideri l’amore un affare sporco”.

Fui sorpreso di questo discorso e un poco offeso. Risposi che certamente le comodità della civiltà non erano da buttare via, tuttavia il sole di mezzogiorno, l’azzurro del cielo, la presenza di qualche uccelletto che avrebbe assistito all’accoppiamento, erano tutti fattori stimolanti. Per non dire della bellezza sexy della compagna. Terminai il discorso, piuttosto insincero, con questo complimento che, sapevo, Adelina avrebbe gradito.

“Sai cosa ti dico io?” prese a dire Adelina ponendosi prona e lisciandosi i capelli, “C’è qualcuno che gioca al gatto e al topo con Pietro e Susanna, e pure con te. Forse faresti bene a partire. E’ l’unico modo per mettere fine a questa specie di persecuzione.”

“Verresti con me?” le domandai con voce che, a dispetto di ogni mio sforzo, tradiva l’emozione. Lei rimase pensierosa. Un leprotto sbucò da dietro un muretto di sassi e rimase ad osservarci per qualche minuto. Adelina disse, apparentemente con gioia: “Ma vedi quel guardone! Meno male che non siamo nudi. Rimpiangerai le giornate come questa. Voglio vederti solo e scontroso a scartabellare codici in biblioteca. Mi fanno una pena quando li vedo pallidi e affamati. Affamati poi di che cosa? Dell’intimità di personaggi che hanno ormai bruciato la loro esistenza e di cui non esistono nemmeno le ceneri. E tu sarai uno di quelli. Rimpiangerai queste ore all’aria aperta, a contatto della natura che a ogni istante si rinnova.”

“Hai ragione, è proprio bello. Si potesse rimanere per sempre distesi su un prato! Peccato che poi viene voglia di mangiare. Non hai fame tu?”

Ritornammo in paese e pranzammo sotto il pergolato di una piccola trattoria nella piazza della chiesa.



 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Solinas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Solinas, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Tamerisco XX parte seconda (Pubblicato il 02/08/2022 17:31:57 - visite: 20) »

:: Tamerisco XIX parte seconda (Pubblicato il 25/07/2022 18:45:40 - visite: 27) »

:: Tamerisco XVIII parte seconda (Pubblicato il 20/07/2022 16:43:33 - visite: 20) »

:: Tamerisco XVII parte seconda (Pubblicato il 14/07/2022 14:39:36 - visite: 31) »

:: Tamerisco XVI seconda parte (Pubblicato il 11/07/2022 17:22:27 - visite: 27) »

:: Tamerisco XV parte seconda (Pubblicato il 04/07/2022 15:49:59 - visite: 41) »

:: Tamerisco XIV parte seconda (Pubblicato il 27/06/2022 17:13:09 - visite: 56) »

:: Tamerisco XII parte seconda (Pubblicato il 20/06/2022 17:17:28 - visite: 38) »

:: Tamerisco XI parte seconda (Pubblicato il 12/06/2022 16:44:16 - visite: 46) »

:: Tamerisco X seconda parte (Pubblicato il 27/05/2022 16:20:03 - visite: 52) »