:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 118 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 29 07:07:05 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Trovare le parole

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/10/2022 13:18:39

TROVARE LE PAROLE

Il tragitto rinnova la memoria dei ricoveri d’urgenza. Quattro in cinque mesi.
L’appuntamento è fissato per le nove.
La macchina procede piano. C’è calma nell’aria. Sole ottobrino.
Francesco telefona quando ha appena raggiunto il centro nei pressi della stazione.
-Ma dov’è la mamma? Non la trovo.
È trangugio di saliva. Anche Mario si agita.
-Non so. Sto arrivando.
C’è affollamento di mezzi intorno alla camera mortuaria di fianco al nosocomio. Un gruppo di operai sistema ramaglie, tagliate di fresco, su un furgone.
Uno spazio risicato per depositare l’automobile.
Scende. Alcune persone si muovono qua e là. Da un capannello di gente si stacca una signora che le viene incontro.
-Ciao, T. Ciao!
Lei guarda con gli occhiali scuri. Chi è questa signora? E' un attimo, poi la riconosce.
-Ah, sei tu Raffaella! Grazie, grazie per essere venuta. Mi ha telefonato mio cugino. Non sa dove hanno messo la mamma.
-Sì, è qua. Anch’io ho chiesto.
E indica col dito.
Fanno ingresso tutti e cinque. Giada si è vestita di scuro, mentre Francesco è in giacca blu come Mario.
La bara nella stanza è l’unica, a ridosso del muro. Una cassa di faggio, semplice e con la croce. È già sigillata e sopra c'è un piccolo mazzo di gerbere rosa. Non si può osservare il volto della defunta, la gonna nera a fiori e la camicia bianca che avrebbe voluto.
Ha ricevuto il trattamento dei pazienti covid, avvolta in un sacco e portata in obitorio a cassa chiusa, anche se il male che l’ha stroncata è stato più grave.
Si rimane impietriti davanti al feretro e uscire all'aria aperta è riflesso spontaneo.
Elisabetta delle pompe funebri sollecita per andare. Il corteo è composto da tre macchine. Ci si avvia verso il piccolo santuario del cimitero di M.L.
La strada da percorrere è nota. Qualche rotonda, un ponte sopraelevato sul fiume da superare, un tratto alberato e infine, dopo l’ultima curva, la svolta verso il vialetto fiancheggiato dai cipressi che sbocca di fronte alla piccola chiesa.
È tutto così semplice, naturale e previsto.
La bara viene adagiata sul carrello e sistemata davanti all’altare col suo mazzetto di gerbere rosa.
Il prete ha preparato le parole per l’omelia: il ritorno alla casa del Padre, la continuità della vita dopo la morte, l’eternità dell’anima.
L’ingresso nel cimitero è scandito dal rumore che fa il ghiaino sotto le scarpe e dal suono triste della campana che prima, all’arrivo, suonava a festa.
Il tumulo di terra è là, davanti alla ruspa. Le corde sono adagiate vicino allo scavo. Tutto è pronto per l’inumazione. Polvere alla polvere.
Il prete asperge, recita il Credo e l’Eterno Riposo.
Ha finito. Saluta i parenti rannicchiati nei pressi, sotto un tempietto di tomba.
C’è anche Nilde: è venuta per offrire all’amica T. la sua partecipazione. E Anselmo, che aggiustò il tetto della casa tanti anni prima.
Nessun altro. Anagrafe e vita schiva producono i loro naturali effetti.
Adesso, lei non sa se troverà le parole.
Non sa se riuscirà a identificarne la voce.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’età più felice (Pubblicato il 22/01/2023 16:42:32 - visite: 72) »

:: La benedizione (Pubblicato il 03/01/2023 09:30:09 - visite: 80) »

:: Flash (Pubblicato il 27/12/2022 16:03:01 - visite: 78) »

:: Centralità (Pubblicato il 10/12/2022 12:42:23 - visite: 87) »

:: Lo scopo (Pubblicato il 03/12/2022 07:41:35 - visite: 84) »

:: Le cornici (Pubblicato il 30/11/2022 17:49:06 - visite: 83) »

:: Il profumo alla violetta (Pubblicato il 27/11/2022 17:44:31 - visite: 74) »

:: Per una casa (Pubblicato il 07/11/2022 14:32:02 - visite: 98) »

:: La visita (Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44 - visite: 183) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 273) »