:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Wojtek

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/05/2023 21:09:36

WOJTEK

Sembrava proprio che nessuna materia potesse interessarlo, soprattutto storia a cui tenevo molto. E dire che spesso avevo cercato di coinvolgerlo, illusa di possedere una prometeica forza. E invece non possedevo proprio nulla, se non una certa propensione a adirarmi con facilità. E questo lui lo coglieva, lo fiutava istintivamente e mi rispondeva picche.
Diceva che non lo interessava ciò che era accaduto nel passato, che era tutto molto noioso e che non valeva la pena imparare date e fatti per poi dimenticarli quasi subito. Quindi non intendeva applicarsi nello studio per mandare a memoria lezioni noiose che non ascoltava nemmeno.
I colleghi mi consigliavano di proporgli racconti di fantasia a contenuto educativo e con riferimenti all’attualità, ma a me il fantasy non è mai piaciuto. Preferisco il realismo, il verosimile. Anche le fiabe mi annoiano, soprattutto quelle moderne e non desidero cimentarmi nella spiegazione di testi che io per prima non amo.
Però, il fatto che Igino Triossi si incaponisse a rifiutare tutto ciò che gli mettevo nel piatto, dalla storia di Colombo alle imprese di Gengis Khan, dalla scoperta della tomba di Tutankhamon ai viaggi di Marco Polo, costituiva per me motivo di tormento e di contrarietà.
E poi c’era l’esame di licenza.
Di che cosa avrebbe parlato questo ragazzo di fronte alla commissione esaminatrice? Che cosa sarebbe stata in grado di insegnargli la sua professoressa? C’erano tutte le attenuanti del caso, ma un docente ha bisogno di vedere il frutto del proprio lavoro, ha bisogno di gratificazioni per poter proseguire il suo cammino.
Igino…Gino, come lo chiamavamo tutti, se ne stava costantemente a testa ingiù, le braccia allungate sul banco, con le mani perennemente sporche di bianchetto e di segni di biro, a ridacchiare e a parlare tra sé, perso nel suo mondo, o a lanciarmi messaggi del tutto estemporanei che richiedevano paziente comprensione.
Erano giornate di indicibile malessere per me. Pensavo fosse disumano costringere docente e discente alla stessa frustrante tortura. Mi chiedevo perché dovessi sottopormi a un compito così ingrato, perché mi importasse tanto di un solo studente che a volte mi appariva come un puntolino sperduto tra la folla, mentre ce n'erano molti altri ad attendermi all’orizzonte. Sentivo, tuttavia, che mi risultava impossibile tollerare la sua insofferenza che sfociava nell’irriverenza.
Un’amica, insegnante alla scuola media di Imola, mi invitò a trascorrere il week end da lei.
Accettai di buon grado, sperando che si potesse allentare l’assedio a cui mi sentivo sottoposta, l’assedio dei genitori che si aspettavano miracoli dall’insegnante di sostegno, dei colleghi che insidiosi alludevano al mio svolgere un incarico destinato ad un solo alunno. Speravo anche di ricevere qualche nuovo stimolo, qualche inopinato momento di illuminazione.
Partecipammo alla presentazione di un libro per l’infanzia nel quale l’autore raccontava una storia vera, la storia dell’orso Wojtek, il guerriero sorridente, che era stato salvato da due bambini e poi adottato dal Secondo Corpo d’Armata polacco del generale Anders. Insignito del grado di caporale addetto ai rifornimenti, lo straordinario soldato aveva contributo alla liberazione dell’Italia dal nazifascismo.
L’autore sottolineò il momento di ingresso a Imola delle truppe polacche alleate, con l’orso Wojtek in bella vista dentro un camion.
Decisi di proporre la storia a Gino. La consideravo la mia ultima carta.
Il lunedì mattina mi presentai a scuola con un enorme orso di peluche al quale avevo applicato una medaglia di sottile latta con inciso, mediante la tecnica dello sbalzo imparata da studentessa alla scuola media, il nome Wojtek.
Avevo chiesto alla collega di inglese di farmi raggiungere da Gino direttamente nell’aula. Misi la montagna di peluche sulla sedia della cattedra e mi accomodai al suo fianco.
Gino sobbalzò davanti all’inattesa presenza e si arrestò stando in piedi in mezzo all’aula.
-Ma assomiglia all’orso che c’è nel rifugio! - disse subito guardandolo incuriosito- vabbè che quello è bianco.
-Sì, ma questo non è stato catturato dagli esploratori. Questo è un soldato che ha combattuto durante la Seconda guerra mondiale ed è morto di morte naturale in uno zoo.
-Ma va! Un soldato!? Ma sparava?
-No, non sparava! Portava cibo, casse di rifornimenti per l’esercito.
Gino è meravigliato. Guarda l’oggetto e ci gira un po’ intorno. Poi, gli accarezza una zampa.
- Uh! Come è morbido! Ma questo è un giocattolo, non è il vero orso.
- Certo, non potrebbe. Ma serve per immaginare quello vero. Immaginare come sarebbe.
- Ma veniva dal Polo Nord?
Gino sembra improvvisamente molto lucido.
-No, dalla Siria, poi dall’Iran dove i polacchi avevano allestito un campo per prepararsi ad affrontare la guerra in Italia.
Gino abbassa la testa. Gli è nuova questa cosa dei polacchi in Italia.
-Sì, i polacchi erano nemici dei tedeschi perché la Germania aveva umiliato la loro terra e, perciò, aiutarono l’Italia.
Gino mi guarda. Sembra assente. Ma si rimette in ascolto.
Il cuore mi batte.
Spero.
Adesso stringe tra le mani la medaglia di latta e io gli dirò del nome, uguale a quello del giovane soldato che teneva l’orso con sé e che racconterà la sua storia molti anni dopo la fine della guerra, gli dirò della battaglia di Montecassino, dell’infermeria, del generale Anders e tutto ciò che mi riuscirà.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Resistere (Pubblicato il 20/09/2023 14:01:09 - visite: 64) »

:: I Poeti di Via Margutta (Pubblicato il 14/08/2023 20:01:42 - visite: 145) »

:: Vivere (Pubblicato il 22/06/2023 18:39:03 - visite: 195) »

:: Buona serata (Pubblicato il 10/06/2023 12:20:14 - visite: 519) »

:: La prova (Pubblicato il 07/06/2023 17:21:40 - visite: 154) »

:: Buchi (Pubblicato il 22/05/2023 17:50:27 - visite: 118) »

:: Sistema (Pubblicato il 08/05/2023 16:37:07 - visite: 108) »

:: Ironia (Pubblicato il 28/04/2023 18:05:53 - visite: 153) »

:: Il segno (Pubblicato il 12/04/2023 19:57:58 - visite: 170) »

:: Fascino (Pubblicato il 04/04/2023 18:25:33 - visite: 163) »