:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Anime intrappolate

di Giuseppe lonatro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/06/2024 17:37:44

      Le nuvole scure sopra Palermo non se ne vanno mai, anche quando c’è il sole. Una città devastata, illuminata e malinconica allo stesso tempo. Lo Stupor Mundi è sempre stata così.

Laura osservava la città dalla finestra del suo piccolo appartamento al centro. Sentiva il peso di un'angoscia che non riusciva a definire. Ogni giorno si svegliava con il cuore pieno di un desiderio insoddisfatto, un desiderio di fuga, di libertà, forse da se stessa. Le vie di Palermo erano familiari ma opprimenti, le ricordavano le catene invisibili che la tenevano legata a una vita che non le apparteneva più.

Laura era figlia di genitori separati e in perenne combutta. Le loro liti interminabili avevano riempito la sua infanzia di urla, porte sbattute e vetri rotti, lasciandola con un vuoto profondo e un senso di incertezza che non riusciva a scrollarsi di dosso. Questa tensione costante l'aveva portata, da adulta, a cercare conforto e comprensione in analisi da uno psicologo. Ma ogni seduta sembrava solo scavare più a fondo nella sua insoddisfazione, svelando strati di dolore e confusione che non riusciva a risolvere.

Prusak era altrettanto prigioniero dei suoi pensieri e del suo caos. Figlio unico, non aveva mai conosciuto i suoi genitori ed era cresciuto in un orfanotrofio, tra preti e suore che non avevano riguardo per lui. Gli mancava l'amore, il calore di una famiglia e spesso si sentiva un numero, una pratica burocratica e niente più. Ogni giorno era una lotta per mantenere un po' di dignità e speranza in un ambiente che tendeva a soffocarle. In età più adulta, quando ormai la vita nell'orfanotrofio era diventata insostenibile, decise di scappare.

Iniziò a lavorare in una libreria polverosa nel centro storico. Viaggiava lui; in quei libri viveva storie di uomini in fuga e vite diverse. Aveva conosciuto Laura lì, tra gli scaffali di libri dimenticati, polverosi e mai letti. Lei cercava un volume di poesie di Baudelaire, lui glielo aveva trovato, ed era bastato uno sguardo per capire che erano anime affini, di quelle affinità elettive che rare volte si verificano, entrambi in cerca di qualcosa che questa città non poteva più offrire loro. Prusak, frustrato da tempo perché la vita da libraio non gli stava più bene, sognava di scrivere lui stesso la sua storia di fuga e libertà, ma si sentiva intrappolato in una routine senza via d'uscita.

“Dobbiamo andare via,” disse Laura una sera, mentre camminavano lungo la costa di Mondello, con il vento che portava l'odore del mare.

Prusak la guardò, con un'espressione grave e dolorosa. “Non possiamo continuare a vivere così, senza speranza.”

Laura si fermò e fissò l'orizzonte, poi guardò Prusak negli occhi. “Sì, hai ragione. Ma dove andremo? Cosa faremo?”

Prusak sentì il peso di ogni parola come un macigno. “Non lo so, Laura. Non lo so davvero. Ogni giorno mi sembra una prigione, ogni ora che passa mi sento più soffocato. La libreria, i libri... tutto questo non è abbastanza. Ho bisogno di sentire che c'è qualcosa di più, qualcosa che valga la pena.”

Laura strinse la mano di Prusak più forte, sentendo la sua disperazione rispecchiarsi nella propria. “Ovunque, purché sia lontano da qui. Non possiamo restare in un luogo che ci sta uccidendo lentamente. Vivremo giorno per giorno, troveremo la nostra strada. L'importante è che saremo insieme. Solo così possiamo sperare di essere liberi.”

Prusak annuì lentamente, sentendo una lacrima scendere lungo la guancia. “Hai ragione. La libertà non è un luogo, è uno stato d'animo. Se restiamo qui, continueremo a morire dentro. Se andiamo via, almeno avremo una possibilità.”

Laura lo abbracciò, sentendo il suo corpo tremare. “Partiamo, Prusak. Non importa dove, non importa come. L'importante è che partiamo insieme, che affrontiamo questa fuga insieme. Solo così possiamo sperare di trovare la pace.”

La decisione era stata presa. Le settimane successive furono un susseguirsi di preparativi furtivi e addii silenziosi. Nessuno dei due aveva una famiglia che li trattenesse, ma lasciare Palermo era come staccarsi da una parte di sé stessi. Eppure, sapevano che non c'era altra scelta se volevano essere veramente liberi.

Il giorno della partenza, il cielo era ancora coperto da quelle nuvole scure, come a voler ricordare loro che la malinconia di Palermo li avrebbe seguiti ovunque andassero. Ma Laura e Prusak non si voltarono indietro. Salirono su un treno diretto verso nord, la loro meta era raggiungere Capo Nord, con la speranza di un nuovo inizio in un’altra terra e la promessa di un amore che avrebbe resistito a qualsiasi tempesta.

E mentre il treno si allontanava, lasciando dietro di sé la città e le sue ombre, Laura e Prusak si strinsero l'uno all'altra, consapevoli che la vera fuga non era solo dalle strade di Palermo, ma da tutto ciò che li aveva tenuti imprigionati nei loro stessi cuori.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe lonatro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe lonatro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Dio sa dove trovarmi (Pubblicato il 11/07/2024 07:10:39 - visite: 45) »

:: Prusak e i semafori (Pubblicato il 07/07/2024 19:36:39 - visite: 72) »

:: La casualità della nebbia (Pubblicato il 03/07/2024 19:44:19 - visite: 95) »

:: Senza un ordine preciso (Pubblicato il 29/06/2024 07:23:56 - visite: 79) »

:: Un tempo qualsiasi (Pubblicato il 26/06/2024 08:33:20 - visite: 87) »

:: I Gabbiani (Pubblicato il 20/06/2024 07:33:23 - visite: 67) »

:: Una notte di dicembre (Pubblicato il 17/06/2024 18:41:14 - visite: 81) »

:: Un Uomo Una Donna (Pubblicato il 11/06/2024 13:11:25 - visite: 68) »

:: I Nottambuli (Pubblicato il 15/01/2013 09:58:52 - visite: 1573) »

:: Parole e silenzi (Pubblicato il 25/10/2012 17:14:17 - visite: 1125) »