:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1559 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 17 06:46:57 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Verrà la morte

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Per condividere sui social network (facebook, twitter, ecc.) clicca qui »

Pubblicato il 07/02/2011 19:39:33

“Tesoro? Tutto O.K.?”

“Vattene!”

“Non ti senti bene? È mezzora che stai nel bagno.”

Silenzio.

Improvvisamente si sente il rumore dell’acqua che fluisce da un rubinetto aperto. Una risposta in codice: tranquillo, sono viva, lasciami in pace. Ma queste finezze, lui, proprio non le coglie. E si può fargliene una colpa? Perché dovrebbe? Lasciato dietro una porta, con il suo fare premuroso e le sue buone intenzioni, meriterebbe una risposta tranquillizzante e non di doversi mettere a decodificare questa  improvvisata  forma di linguaggio non verbale.

Per cui, caparbio e preoccupato, comincia a bussare all’uscio.

“Amore? Dai, aprimi.”

Ancora silenzio. Poi, un pianto sommesso.

L’uomo è sconcertato: l’aveva vista alzarsi dal letto, al primo trillo della sveglia. La ricerca della giacca in pile gettata, la sera prima, sulla sedia, il passo trascinato sino in cucina, il solito armeggiare con la macchina del caffé, il tintinnio del cucchiaino contro la tazzina e, di nuovo, lo scalpiccio svogliato delle pantofole, il cigolio dell’uscio del bagno, lo scatto un po’ inceppato della mandata nella serratura. Tutto uguale ad ogni altra mattina feriale.

Che cosa può essere mai successo dentro alla toilette?

“Mi rispondi, per favore? Perché piangi? Ti senti male? Allora, ti decidi ad aprire questo cazzo di porta?”

Non sa perché ma è passato da un tono moderato e gentile all’essere cafone ed aggressivo. Questi suoi cambi d’umore da bipolare li detesta. Nel passato non aveva mai avuto dubbi: capiva sempre ciò che le frullava nel cervello. O, almeno,  ne era convinto così come poteva asserire, con assoluta certezza, di conoscerla. Ora, non era più sicuro di nulla. Ma chi era veramente? Si mostrava cambiata oppure  era stato sempre un illuso, non volendo vedere oltre ciò che credeva di vedere?

Mentre la rabbia gli sale dentro, ecco la chiave girare nella toppa.

Apriti Sesamo! Finalmente!

“Posso?” Entra e la vede. Seminuda, accucciata sul bidet, che tira su col naso ed asciuga, col dorso delle mani, le guance.

Si accoscia di fronte alla donna, le prende le mani.

“Ma cos’hai?”

Gli occhi di lei si spalancano, terribilmente tristi, eccezionalmente verdi come diventano sempre se piange o è appena uscita da un tuffo in mare. E le iridi sono proprio come il Mediterraneo in tempesta, le pupille due buchi neri che si dilatano.

“Morirò!”

“Che cosa?”

“Ho detto che morirò.”

“E quando l’avresti raggiunta questa incredibile e folgorante agnizione?”

Non avrebbe voluto essere sprezzante e sardonico ma questa stronzata proprio non se l’aspettava. Morirà! Che scoperta! Pensava, forse, di essere Highlander oppure Gesù Cristo?

“Mentre facevo pipì.”

Ora sì che l’ha spiazzato.

“MENTRE PISCIAVI HAI SCOPERTO CHE NON SEI ETERNA?”

L’urlo esce, incontrollato, dalla strozza. Ma si è bevuta il cervello?

“Lo sapevo che non dovevo dirtelo. Tanto per te sono i vaneggiamenti di una pazza. Oppure gli ormoni. Prima erano le “mie cose”, ora è colpa del climaterio. Se non sono paziente, rassicurante, logica di sicuro è colpa del mio sistema endocrino. Non può essere che io sia diversa da te, che pensi in un altro modo, che senta in un altro modo?

Ero lì, seduta, sentivo scrosciare il getto dell’urina, il senso di piacevole liberazione della vescica che si svuota ed ho capito che, quando sarò morta, anche una simile banalità mi sarà negata. Non ci sarò, quindi, non piscerò, va bene?”

“Oddio, amore, ma che dici? Pensa che io non dovrò neanche aspettare di morire. Ancora un anno o due e la prostata comincerà a non fare più il suo dovere. Ma che pensieri fai? Avrei capito se mi avessi detto che non potrai più scaldarti al sole o camminare lungo la riva o fare l’amore o… guarda, persino mangiarti un’arancia succosa. “

Adesso è la donna che rimane attonita. Ma che sta dicendo?

E quando sarebbe stata l’ultima volta che ha avuto il tempo e la voglia di sdraiarsi al sole o raggiungere il litorale per passeggiare?

Fare l’amore? Ma se lo sarà scritto sull’agenda quando è successo l’ultima volta? Comunque, quella dello scorso anno l’ha buttata da un pezzo.

Un’arancia? Da quanto sono sposati: venti anni? Ed in tutto questo tempo non ha ancora capito che lei detesta gli agrumi?

“Hai ragione, scusa. È come dici sempre tu: ormoni impazziti. Non ci pensare più: vado a vestirmi che altrimenti faccio tardi in ufficio e anche a te, poi, tocca recuperare!”

“Ma sì dai. Sono momenti! A proposito: scusa: ma che sono tutti questi peli in terra?”

“Ma nulla: volevo mettere la gonna e mi sono depilata. Ora spazzo via tutto.”

Di certo non sarà lei a raccontargli che, quando ha visto un pelo bianco spuntare come gramigna albina proprio nel bel mezzo della suo pube, le è preso il panico. Ha afferrato il rasoio e fatto piazza pulita.

Il calendario basta e avanza: ci manca solo un “memento mori” che ti cresce addosso come edera velenosa!

 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Musik, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: 8 dicembre del ‘65 (Pubblicato il 08/12/2018 11:16:35 - visite: 450) »

:: 25, Morta che parla (Pubblicato il 25/11/2017 19:39:29 - visite: 680) »

:: #Svegliatitalia (Pubblicato il 23/01/2016 11:52:02 - visite: 1026) »

:: Natale in casa Proietti (Pubblicato il 13/12/2015 14:15:13 - visite: 636) »

:: Un amore così grande (Pubblicato il 20/06/2015 02:19:27 - visite: 1238) »

:: Postribolo inverso (Pubblicato il 17/01/2015 15:20:08 - visite: 964) »

:: Il prete. (Pubblicato il 16/11/2014 10:52:32 - visite: 975) »

:: Pasquinata di Natale a Pasquetta (Pubblicato il 21/04/2014 21:43:03 - visite: 1143) »

:: Protomoteca. Effetto notte. (Pubblicato il 06/04/2014 13:46:39 - visite: 1055) »

:: y (Pubblicato il 13/03/2014 20:50:19 - visite: 1038) »