Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 547 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 23 04:15:54 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un applauso di silenzi

di Dario Caldarella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/04/2014 12:21:03

Applausi, sento riecheggiarli tra le pareti della mia testa. Sono scroscianti, interminabili, insaziabili.

Divorano la pelle ruvida di mani troppo grandi per accorgersene, come quell'uccellino che sta sopra agli elefanti. Mi ha sempre fatto una certa impressione, come fosse completamente noncurante del pericolo, ma adesso ho capito. Ho capito la necessità del volatile, così come ho capito il terrore che si cela in un batter di mani. Ho sentito il rumore di un albero che cade in una foresta deserta – o forse omertosa.

Geheime* abbozza il suo solito sorriso a pettine, mentre la rabbia si impossessa di ogni cellula del mio corpo. Ogni istante che passa è un capillare che non sopporta più la pressione. Stavolta gli sarà facile vincere – all'ospite, intendo – stavolta non c'è nemmeno bisogno di spronarmi, bastano le mani: le mie, strette attorno allo schienale di una rancida sedia girevole; le loro, che continuano ad applaudire.

Rischio di impazzire “Non era un albero” sussurro, ma aumentando a ogni parola il tono della voce “non avete niente da applaudire. Non doveva essere abbattuto, non era un albero. Non creava nessun intralcio”.

Urlo con tutto il fiato che ho in gola, Geheime si aggrappa a una sporgenza per evitare di essere trascinato fuori.

Silenzio. Anche gli applausi ne vengono assorbiti.

Penso che piangere in silenzio sia la forma più alta di orgoglio, anche se spesso serve a poco.

Forse un albero avrebbe potuto resistere meglio. È un essere passivo, abituato a subire. Un uomo no – non di base almeno. Un uomo ha dentro troppe cose per riuscire a saldarsi al terreno. Qualche volta cade, altre viene abbattuto.

Non c'è niente da applaudire, perché l'avete fatto?”.

È stato come veder vincere una partita truccata. Tutti sanno che è sbagliato, che il risultato è diverso, ma si fa silenzio, in questa maledetta foresta omertosa.

Ho cercato di sovrastarli con tutta la mia voce Federico, ma questo bosco è troppo spoglio per trattenere un suono.

Domani racconterò la tua storia a un frutto, a un fiore, a tutte le dannatissime foglie di questa selva, e pianterò un seme di quercia.

 

 

 

*Inquilino che vive in un interstizio della mia testa.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dario Caldarella, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dario Caldarella, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: 7 verticale: compagnia aerea (Pubblicato il 15/05/2014 18:56:20 - visite: 727) »