:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Questo scritto stato acconsentito ’dall’altro’

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19

Sento sempre una fiaccola nelle mani. Un fuoco che si dilaga come linee guida di un pentagramma per le mie falangi.

Un fuoco che rode dentro in modo insopportabile. Eppure, questa insopportabilità si affianca ad enfatiche risate senza controllo, come la salivazione che ne deriva.

E’ una dichiarazione esplicita e onesta: talvolta l’euforia travestita da follia (chissà chi ha il dominio) mi raggiunge precocemente, e regola le mie azioni. L’attimo in cui eseguo un’azione non comandata dal mio riflettere sembra originariamente di questa follia.

Quando ritorno al mio stato naturale di pieno controllo è come se mi svegliassi ed è una sensazione orribile; come l’ubriaco che subisce la sbornia, come l’aver fatto un sogno troppo nitido, come vivere in un deja-vù.

Ricorro al sesso o all’alcool per esorcizzare questi momenti talvolta, anche se mi rendo conto che forzarsi a fare una o l’altra cosa scade nel simulare il problema che voglio evitare.

C’è una sorta di tentazione fortissima, una specie di attrazione fatale per fare tutto ciò che non vorrei. Quando viene fuori, questo qui è attratto come una falena dalla fiamma, a tutto ciò che esattamente non mi piacerebbe. E’ una tortura poiché rimango cosciente mentre l’altro ha il controllo, quindi mi rendo conto di cosa gli passi per la testa.

Quando si vuole fare baldoria o bisboccia, quando gli amici affermano di volersi divertire creando un rituale sociale come una festa o un’uscita sociale, è lì che l’altro sente di poter uscire fuori.

Sento di stare bene quando non c’è ma mentre lui comanda facendo quel che fa sta bene pure lui. Questo significa solo che siamo agli antipodi. Se lui non ci fosse non so chi sarei io.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 363) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 459) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 509) »

:: Stai parlando a te stesso (parte2) (Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03 - visite: 381) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 402) »

:: Qual il modo giusto di vivere? (Pubblicato il 07/04/2015 14:54:31 - visite: 1819) »

:: Considerazioni romantiche sulla musica di Beethoven (Pubblicato il 26/03/2015 15:50:55 - visite: 687) »

:: Onsoul (Pubblicato il 08/03/2015 19:11:47 - visite: 581) »

:: Non voglio imitarti ma apprezzarti ! (Pubblicato il 08/03/2015 18:52:23 - visite: 583) »

:: Discorso intorno alla mentalit delle famiglie di via Rossi (Pubblicato il 08/03/2015 18:50:10 - visite: 495) »