Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 334 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 5 10:40:17 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La differenza tra l’antica Grecia e l’Italia odierna

di Anna Giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/12/2017 00:32:44

La differenza che ci divide dall'antica Grecia, malgrado i millenni, e che purtroppo, nulla ci ha insegnato.

Discorso di Pericle pronunciato agli Ateniesi nel 461 a.c. e realtà italiana nel 2014 dopo Cristo...( 2014 perché è l'anno in cui scrissi questa riflessione)

Qui ad Atene noi facciamo così

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.

Invece in Italia facciamo così:

Qui il nostro governo favorisce i pochi invece dei molti: e per questo non viene chiamato e neppure calcolato.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.
Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri,chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui in Italia noi facciamo così:

Le leggi qui non assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi ignoriamo sempre i non meriti dell'eccellenza.
Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, ignorato dallo Stato, come atto di incuranza ad una ricompensa al merito, e la povertà costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.
Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.
Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui in Italia facciamo così:

La libertà di cui godiamo non si estende anche alla vita quotidiana; noi siamo sospettosi l’uno dell’altro e infastidiamo il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.
Noi siamo liberi, ma non liberi di vivere come ci piace, a causa dei furbi, ma tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo e anche per i furbi che rimangono a guardare, fregandosi le mani.
Un cittadino italiano trascura i pubblici affari quando non attende alle proprie faccende private, ma soprattutto si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.
E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui in Italia noi facciamo così:

Ci è stato insegnato da un lato a rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di non rispettare le leggi e di non dimenticare mai che non dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.
E ci è stato anche insegnato di non rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.
Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.
Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.
Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui in Italia noi facciamo così:

Un uomo che non si interessa allo Stato noi lo consideriamo innocuo, ma utile; e benché in molti siano in grado di non dare vita ad una politica, beh tutti qui in Italia siamo in grado di non giudicarla.
Noi consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
Noi crediamo che la libertà sia il frutto della felicità, ma la felicità sia solo il frutto del valore d'acquisto.
Insomma, io proclamo che L'Italia è la scuola Mediterranea e che ogni italiano,cresce sviluppando in sé una infelice versatilità, la sfiducia in se stesso, la non prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra penisola è aperta al mondo e noi, non cacciamo mai uno straniero o almeno per il momento.
Qui in Italia noi facciamo così.







« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anna Giordano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Giordano, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Tutti pazzi per il Corona... (Pubblicato il 02/03/2020 18:08:37 - visite: 282) »

:: Riflettere (Pubblicato il 27/01/2018 02:00:34 - visite: 519) »

:: Piccola riflessione serale (Pubblicato il 20/01/2018 00:18:56 - visite: 480) »

:: La pagina bianca (Pubblicato il 04/01/2018 22:56:53 - visite: 459) »

:: Messaggio al sindaco di Como (Pubblicato il 21/12/2017 23:47:49 - visite: 343) »

:: Ripensando il Natale (Pubblicato il 20/12/2017 21:32:22 - visite: 239) »

:: L’amicizia (Pubblicato il 08/12/2017 23:16:05 - visite: 633) »

:: La magia del divagare nei ragionamenti. (Pubblicato il 29/11/2017 23:27:12 - visite: 489) »

:: Perché il cuore non si ammala di cancro? (Pubblicato il 14/11/2017 08:48:27 - visite: 789) »

:: Perché la Terra è tonda? (Pubblicato il 04/11/2017 01:11:48 - visite: 704) »