Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 250 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 16 12:02:29 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ripensando il Natale

di Anna Giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/12/2017 21:32:22


Ripensando al Natale di quando, vicino al papà e alla mamma, noi piccoli aiutavamo a preparare il presepe.
Iniziavamo a costruirlo il giorno dell'Immacolata; mio padre ne era l'ideatore, mia madre l’aiutava ed ognuno di noi, fratelli e sorelle, apportavamo il proprio contributo alla realizzazione del presepe.
Man mano che il paesaggio prendeva forma, iniziando dalle montagne di cartapesta, passando al ruscello animato e la grotta ancora vuota… vivevamo, giorno dopo giorno, l’avvento.
Ogni mattina il presepe acquisiva nuovi personaggi che noi aggiungevamo, e così facendo, sembrava che quel paesaggio vivesse i preparativi per la venuta di Gesù Bambino.
Simulavamo il movimento, le stradine si popolavano sempre più, arricchendole di qualche spartano oggetto o personaggio caratteristico, fino ad arrivare alla mezzanotte tra il 24 e il 25 per deporre nella mangiatoia il Bambino Gesù: “La Luce”!
Colui che rischiara le tenebre, Colui che rappresenta la nascita del bene sul male in concomitanza col periodo del solstizio d’inverno, in cui inizia ad allungarsi la luce del giorno a discapito della notte.
Un bambino che, malgrado fosse figlio di Dio, nacque nella più umile povertà, vestito solo della sua luce.
Oggi siamo tutti indaffarati a fare spese e pensare a come passare il Natale. È giusto perché festeggiamo la Sua nascita, tutto ciò è bello, e le luci che accendiamo sono per ricordarlo.
Natale è la festa dell'amore per il prossimo, è la festa che unisce le famiglie, è la festa dei bambini, è la festa che dovrebbe renderci più buoni, per Suo rispetto, perché ci ha portato con la Sua venuta, la ricchezza che tutti abbiamo, ma che in pochi, purtroppo, regaliamo:“L'Amore”.

Peccato che oggi ci siano poche persone che interpretano il Natale tenendo conto della nascita di Gesù come il vero evento. Troppo indaffarati a festeggiare dimentichiamo la vera essenza di questa festa, che consiste nel fare del bene, amare tutto l'anno e non solo a Natale.
Ho come l'impressione che già a Santo Stefano, Gesù sia dimenticato; riposto in uno scatolo e messo a dormire, come le statuette del presepe, per l'anno susseguente, e la vita riprende avendo già tralasciato i buoni propositi che, magari, ci hanno sfiorato la mente durante il giorno di Natale.

Mi fermo poiché se continuassi, potreste scambiarmi per un prete, che non sono, sono solo una nostalgica che vede la differenza tra il Natale di ieri e quello di oggi.
Anche ieri si festeggiava, ma non so, c'era una luce che brillava più di ogni altra luce, era quella che si notava negli occhi dei bambini che, con le bocche aperte, ascoltavano la storia della venuta al mondo di un Bambino di nome: Gesù.
Che la luce riempia tutti di bontà permanente, e ci indichi il cammino ancora da percorrere.










« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anna Giordano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Giordano, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Tutti pazzi per il Corona... (Pubblicato il 02/03/2020 18:08:37 - visite: 316) »

:: Riflettere (Pubblicato il 27/01/2018 02:00:34 - visite: 531) »

:: Piccola riflessione serale (Pubblicato il 20/01/2018 00:18:56 - visite: 498) »

:: La pagina bianca (Pubblicato il 04/01/2018 22:56:53 - visite: 474) »

:: Messaggio al sindaco di Como (Pubblicato il 21/12/2017 23:47:49 - visite: 364) »

:: La differenza tra l’antica Grecia e l’Italia odierna (Pubblicato il 13/12/2017 00:32:44 - visite: 349) »

:: L’amicizia (Pubblicato il 08/12/2017 23:16:05 - visite: 647) »

:: La magia del divagare nei ragionamenti. (Pubblicato il 29/11/2017 23:27:12 - visite: 507) »

:: Perché il cuore non si ammala di cancro? (Pubblicato il 14/11/2017 08:48:27 - visite: 806) »

:: Perché la Terra è tonda? (Pubblicato il 04/11/2017 01:11:48 - visite: 727) »