Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 39 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 23 09:06:01 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Oggi va cosi

di Di Nunno Benedetta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/03/2019 17:23:58

Credo che a volte possa succedere di sentirsi persi. Pensare di aver sbagliato scelte, di non aver usato il tempo e le occasioni nel modo giusto e di doverne pagare le conseguenze. Può succedere di non sentirsi in grado di sopportare i fallimenti. E allora che fare? Non si torna indietro e spesso non si può neppure rimediare. Allora ti fermi. Fai silenzio e cerchi di affrancare il cuore. Lo ricopri con foglie umide di lacrime e usi il fango di ciò che hai fatto di te, come colla così che allo strato successivo di foglie, queste siano coperta più spessa per il freddo che senti. In ginocchio ti perdonerai. Devi farlo. E inventerai ricami sull'abito sbagliato che hai. 
Sognerai una porta, che ti salvi.  Lì, dove non sai.
 
 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »