Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 56 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 1 17:11:56 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

i parpenti

di alberto nicola giulini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/01/2021 12:16:25

La mia vita estrema... perché tra  l'altro i parpenti (parenti-serpenti) mi hanno fatto tanto di quel male, questi bacati bacchettoni con le loro avide mani ed occhi e ventri... mi hanno quindi totalmente impoverito con le loro grette imposture da veri usurai... (E' pur vero che lo stesso Machiavelli morì povero lasciando una vedova con ben 5 figli: uno degli 'infiniti' casi miserandi del Talento). - In ogni caso la mia esistenza è solo un optional, non ho bisogno di optalidon né di gocce di sangue o sperma, semmai mi manca un po' di marijuana, e feci male a non coltivarla per uso personale qui sull'isola dove sarebbe cresciuta veramente bene,  "quel po' per me" come diceva Gianni Santuccio del Piccolo Teatro, per la 'sua' dose quotidiana di cocaina, mentre cenavamo sotto i portici accanto al Duomo di Milano, assieme alla mia tossica amica... Però son tutti morti, mi viene una piccola fitta di nostalgia pensando anche a quell'altrra amica francese, che andò da Montpellier a trovare Lawrence Durrell: abitava forse negli ultimi anni in Dordogna, l'anacronistico vecchietto virtuoso che beveva ormai solo birra analcolica. - E la madonna per es. da Medjugorje ci assicura che il male causato anche d'altronde dal parentado corrotto, come tutto il male-virus oggi prodotto in laboratorio - per far soccombere l'umanità secondo i dettàmi prestabiliti dal Maligno - ciò di cui soffre il genere umano è frutto marcio dei peccati, in particolare del peccato originale (ovviamente molto più grave della favoletta costruita su Adamo ed Eva); le avidità materiali infatti non fanno altro che degenerare uomini e donne come pedine mosse a suo piacimento dallo stesso Maligno; il nostro intenso ed estenso male di vivere esistenzial-psico-economico - di cui scriveva anche Montale - riduce infine quasi tutti come teschi ed ossi di seppia. Si salva solo, in questo attuale eterno medioevo di postmoderni trogloditi umanoidi avvelenati in tutti i sensi, il rinascimento d'un ritorno alla santità autentica e perciò-stesso alla grande arte del passato; ben vengano alcune grandi scoperte della scienza come della medicina...Non la moda della tecnologia come trucida tecnocrazia, non gli stilisti o i cuochi o i seduttori-tv; perché, alla fine della fiera delle vanità, non resta traccia di nessuna parola né di bocche in un bacio, ma resta traccia di un solitario che sognò un risveglio.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore alberto nicola giulini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

alberto nicola giulini, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Cucù (Pubblicato il 23/02/2021 14:02:27 - visite: 11) »

:: Pork Vacc... (Pubblicato il 22/02/2021 13:22:59 - visite: 14) »

:: amicizie (Pubblicato il 02/02/2021 12:00:18 - visite: 30) »

:: Un cazzo ebreo (Pubblicato il 08/01/2021 17:08:12 - visite: 94) »

:: Una specie di addio (Pubblicato il 12/11/2020 11:02:22 - visite: 122) »

:: Un ricordo (Pubblicato il 10/11/2020 22:02:24 - visite: 52) »

:: il silenzio (Pubblicato il 05/11/2020 11:26:25 - visite: 57) »

:: nuovo Céline): (Pubblicato il 22/10/2020 13:44:30 - visite: 66) »

:: Una batt-guerra (Pubblicato il 12/10/2020 21:03:16 - visite: 77) »

:: Un bel film (Pubblicato il 09/10/2020 10:05:18 - visite: 79) »