Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 969 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 28 17:20:22 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Briciole di rosa (Mal d’amore Parte II)

di Davide Rocco Colacrai 2
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/01/2009 16:22:45

Briciole di rosa
(Mal d’amore – Parte II)

Ed è già passato un altro anno, così
Con la tipica inesorabilità delle cose
Che ci lasciano perplessi ed interdetti
Da qualche parte, semplicemente
Ed io
Io sono sempre qui
Abbandonato sul mio letto disfatto
E dimenticato dal tempo stesso
In quel passato
Che mi ha tolto tutto
Tutto quello che allora possedevo
E addirittura la mia anima
Che è evaporata, silenziosamente
In quell’aria viziata e pesante
Nella quale io stesso mi ritrovo
Puzzo d’abbandono e d’arresa
Che grava sul vulnerabile terreno squartato
Di quello che era la mia anima, allora
Ferite senza limiti né confini
Che il tempo stesso, da gran dottore
Non ha saputo guarire
La vecchia rosa rossa
Che mi sorrideva un tempo
Là, dal mio comò
È marcita di disperata attesa
E sono sparse sue briciole sul lurido pavimento
Sul quale feci ripetutamente l’amore, io
Tracce di passione consumata
Sento ancora oggi
E profumi di gemiti lontani
Pervadono la mia mente
Accoltellandola
Senza alcun ritegno né vergogna
In uno spasmodico orgasmo triviale
Di cui ignoro il senso
Mentre quella lettera d’amore
Che io stesso strappai
Furioso e pazzo per quello che avevo perso
Giace ancora là
Come indelebile testimone
In mille pezzi
Che emettono caldi afflati
Di rassegnazione dovuta
In presenza di una felicità appena sfiorata
E non goduta pienamente mai – mai
Le mie mani
Sono svigorite dall’unica cosa rimastami
Un freddo carico di tensioni negate
E di parole inespresse e seccate in gola
E di possibilità negate in maniera assoluta
Ed il cuore
Il cuore non può che battere forzatamente
Con respiri carichi di vita non vissuta
O vissuta troppa intensamente, forse
Per un’illusione
Travestita da splendente speranza
Ed una punizione
Nascosta dietro ad un bianco sorriso
E il grezzo desiderio di carne
Mascherato da un’eterna promessa d’amore
E dietro a tutto questo cosa c’era?
C’era una semplice fame
Di carne fresca e debole e sensibile
Con lo scopo di violare la profonda intimità
Di chi uomo ancora non era
E di turbare e poi infrangere i sogni colorati
Di chi aveva la testa immersa tra le dolci nuvole ancora
E di rubare infine quel prezioso dono della vita
A chi poi è rimasto qui, come un cadavere
Senza sogni né speranze
Senza richieste né pretese
Privo di un’anima
Con la quale volare al di là
Degli spazi della propria consapevolezza
Dove l’immaginazione fa da regina
E la libertà è l’aria che si respira
Privo di un cuore
Col quale poter assaggiare il sentimento
Laddove tutto è niente e viceversa
Con farfalle che s’intrecciano, meravigliose
Su note che richiamano piacevoli nostalgie
Dai polverosi armadi delle nostre sensazioni
Ma ora
Ora dov’è finito tutto ciò?
Io – disteso sul mio letto
In un mutismo incosciente
Vedo solo un orizzonte nero, là
Che mi inghiottisce in se stesso
Come l’antico richiamo della morte
Dove la natura stessa non esiste più
E tutte queste parole pronunciate
Non hanno alcun senso per me
Non ci sono significati, qui ed ora
Né tantomeno suoni
Io – affogato tra muti silenzi
Solo freddo è quello che percepisco
Ed intorpidimento della carne violentata
E le briciole nere di una rosa spirata
Ed i pezzi
Di quella che era una lettera
Di quello che fu un cuore
Laddove ora
L’amore non c’è più, oramai
No – lo so bene
L’amore non c’è più, oramai.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Davide Rocco Colacrai 2, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Davide Rocco Colacrai 2, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La solitudine della parola #SaveAshrafFayadh (Pubblicato il 14/01/2016 15:40:54 - visite: 552) »

:: D’un istante, soltanto (Epifania) (Pubblicato il 09/06/2009 10:04:24 - visite: 1030) »

:: Io, sulla mia croce (Pubblicato il 03/06/2009 20:32:19 - visite: 1145) »

:: Solitudine (Pubblicato il 31/05/2009 11:18:19 - visite: 1111) »

:: Anche mia madre (Pubblicato il 29/04/2009 18:46:36 - visite: 1032) »

:: Ceneri nel vento (Briglie slacciate, soltanto) (Pubblicato il 04/04/2009 17:26:11 - visite: 823) »

:: Col telefono nella mano (Mal d’amore_Parte III) (Pubblicato il 21/01/2009 13:51:17 - visite: 1041) »

:: MaleDentro (Pubblicato il 17/01/2009 16:03:59 - visite: 877) »

:: E all’improvviso, tacitamente (Pubblicato il 31/12/2008 10:29:01 - visite: 855) »

:: Cerone d’innocenza (Pubblicato il 30/12/2008 17:21:46 - visite: 1167) »