Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1034 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 25 01:10:01 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

tu disteso io in piedi

di Anita Napolitano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/02/2013 00:25:22

 

Reparto di oncologia

 

è già tutto compiuto, ma

il cuore è vivo e batte

batte e sbatte contro l' agonia

dei fiori, bracca, aggroviglia

chiome nere e chiome canute

ma non arresta il passo

e tra le pareti vuote

acide di verde, tu disteso e io in piedi

come quadri appesi

a guinzaglio teniamo il male,

che lucido ruggisce e ci strattona

come bestia inferocita

E noi soldati dignitosi di trincea

porgiamo il nostro petto

senza esporci troppo,

camminiamo quatti quatti

Tu disteso e io in piedi “

 

Ho temuto l' arancio

così come ora temo il verde,

il drappo retto

che separa i vivi e i morti

E con le bende agli occhi

proseguo il mio cammino,

tu disteso e io in piedi attenti sulle mine,

aspettando ogni giorno un piccolo

raggio di speranza e congiungiamo in ieratico

silenzio le nostre mani che s' abbracciano

Tu disteso e io in piedi non sospiriamo

doloranti e non ci importa

del domani ogni giorno è santo

ogni ora, ogni minuto e se ci

sarà da ridere rideremo ancora

Il cielo oscuro non tappezzerà di ombre

il nostro volto, con il macigno in groppa

spezzeremo il pollice verso della morte


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anita Napolitano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anita Napolitano, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: la debolezza del buio (Pubblicato il 10/06/2013 14:51:27 - visite: 1010) »