Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 979 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Nov 23 02:24:50 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Restituzione

di Stelvio Di Spigno
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2009 14:06:50

Da "Formazione del bianco", Manni, Lecce 2007

È profondo il costernarsi del cielo
quando a spargerlo è un moto sotterraneo
di mani limpide e ossa devote,
piene di ciò che non hanno da dare.

Così passa una famiglia di cirri,
inglobando la propria lontananza,
e nessuno sa capire perché tanto si innamori
la pelle alla mano che la lacera,
il sangue all’ago che lo fa suppurare.

Solo la piccola Noemi impara a dire
perché la sera sia tanto celestiale
anche il dolore che addenta la carne.

Camminavo per la Tuscolana,
tra palazzi contorti di fatica,
e pini trasecolati di vergogna;
il colore dei miei occhi era il vuoto
delle automobili in sosta nel temporale.
Dovette aspettare che sparisse alla vista
anche l’ultimo braccio pietrificato
nei revolver puntati tra i lampioni
il migrante che ero,
per tornare a galleggiare nel mondo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Stelvio Di Spigno, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Stelvio Di Spigno, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Verso nord (Pubblicato il 19/05/2012 17:28:33 - visite: 1232) »

:: Le due di mattina (Pubblicato il 04/04/2011 11:51:18 - visite: 1119) »

:: Fine settembre (Pubblicato il 14/06/2010 14:35:46 - visite: 1157) »

:: Il gatto rosso (Pubblicato il 17/02/2010 12:28:09 - visite: 1317) »

:: Congedo vitale (Pubblicato il 17/01/2010 11:33:31 - visite: 885) »

:: In giro (Pubblicato il 14/01/2010 15:13:30 - visite: 1092) »

:: Estate (Pubblicato il 13/01/2010 13:31:30 - visite: 869) »

:: Scirocco (Pubblicato il 12/01/2010 10:01:30 - visite: 1002) »

:: Leggenda (Lungomare Caboto - Gaeta) (Pubblicato il 05/11/2009 14:05:02 - visite: 1025) »

:: Memorie del Felaco (Pubblicato il 05/11/2009 13:54:50 - visite: 941) »