:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 746 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 4 21:59:49 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Al Bivio

di Francesco Isidoro Stassi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/01/2017 12:31:02

Hai mai sentito parlare di un bivio?
È la biforcazione di strade, sentieri o cammini,
è conoscere il giusto e lo sbagliato,
è vivere e non vivere, amare, morire, lo sai?
Io no perché son qui a scegliere,
se sono i tuoi occhi a stregarmi o le mani
che ispide di sentimenti mi scuotono il cuore;
sussulto se penso di dover scegliere
fra te, sogno molesto che insonne mi turba
o te, una vita di fasti ammirandoti mia…
Mia non di possesso o passaggio,
mia come le energie, come il battito del cuore
come le mani che desiderano le tue,
parole che mi fanno tremare…Ora sento voci,
confuse mi chiamano, riapro gli occhi e
oddio, non ho mosso un passo, sono ancora al bivio,
allora ti intravedo in fondo a entrambe:
una mi dice vieni, che non ti farò andar più via,
l’altra mi dice tentami per poco o mi perderai
e non so quale sia quella giusta,
non so dove sia l’inganno e ti tento
per farmi ammaliare da una o dall’altra,
scelgo di correre per trovarti, per amarti
non pensando al ritorno.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Isidoro Stassi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.