Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 102 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 1 15:48:26 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A nostra insaputa

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/10/2019 06:05:27

 

 

Se non leggo, non scrivo e non cantico

che me ne faccio di un amore platonico?

La disciplina si contende lo spazio di un lento respirare.

Con abnegazione  e negazione di volontà c'è da porsi

le solite domande, le solide domande da destrutturare.

Una mente modesta non ha potere di calcolo

e sillaba lentamente le risposte che le sono congeniali

senza scomodare altri processi, a cuor leggero.

L'arroganza è tristezza che avanza, processo mediatico.

Saremo capaci a tollerare altre inutili nefandezze?

O l'architrave della nostra compostezza cederà

sotto il peso dell'immondizia culturale? Ad appannaggio

di quale libero pensiero? Una vendetta formale?

La lontananza c'ingrassa, vertebra per vertebra.

Distanza dal messaggio è consapevolezza che evapora.

Ormai non stiamo più nei nostri panni,

abbiamo recuperato i contenuti ma la fantasia

è l'unica possibilità di un progressivo, totale recupero.

Come un indulgente malessere lasciò spazio

ad uno stato febbrile: in punta di piedi, ballerina.

Carisma della mia quaresima. A valle raggruma il sangue versato

pantano, palude o stagno, la visione della fine da vicino.

Che sia allora il turbine, la violenza di un lascito decaduto.

La natura non ha saputo educarci alla vita, che sappia aggiudicarsi

una fine gloriosa anche senza di noi, a nostra insaputa.     

La natura ottusa delle cose.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Rimpianti (Pubblicato il 07/07/2020 23:39:33 - visite: 25) »

:: Proverò a capire (Pubblicato il 07/07/2020 03:06:55 - visite: 32) »

:: La forma volatile delle nuvole (Pubblicato il 25/06/2020 01:25:40 - visite: 54) »

:: Vetro temprato (Pubblicato il 24/06/2020 01:26:55 - visite: 44) »

:: Un saggio (Pubblicato il 20/06/2020 02:29:53 - visite: 37) »

:: Penna bic (Pubblicato il 17/06/2020 00:17:20 - visite: 44) »

:: Voltare pagina (Pubblicato il 16/06/2020 00:41:46 - visite: 44) »

:: Un vuoto inconsulto (Pubblicato il 14/06/2020 02:52:57 - visite: 60) »

:: Rugiada (Pubblicato il 12/06/2020 23:54:07 - visite: 64) »

:: Fuori scala (Pubblicato il 04/06/2020 02:11:44 - visite: 78) »