Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 130 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 16 09:44:31 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Extrema Ratio

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/10/2019 00:52:49

 

 

Come la riflessione dello specchio

è di avere requisiti reconditi 

per la domesticazione delle immagini

così io ti guardo coi miei occhi sempre uguali

diventare ogni volta un nuovo motivo di vanto

tra epigoni industriali di cobalto e di vanadio

oh mia lama, dottrina di un sogno di vene tagliate.

Il sangue ormai è valuta intercambiabile

una dodicesima parte siede a tavola

lungamente attenzionata da operatori dell'igene mentale.

Ma dove mi trattengo è sulla punta della lingua

dove in vero, si trasfondono i versi, clorofilla delle mie battige.

La lungaggine con la quale interloquisco

è il solo refuso che oso permettermi,

di traverso ai miei stati di coscienza.

Permanente è invece una certa propensione al fallimento.

Proverei senza indugi una fuga frenetica

se non mi prendesse frenesia di restare fermo.

L'attesa è la mia risorsa endemica.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Via (Pubblicato il 19/09/2020 01:27:03 - visite: 25) »

:: Modi e maniere (Pubblicato il 16/09/2020 03:37:10 - visite: 29) »

:: Confessione (Pubblicato il 15/09/2020 00:53:51 - visite: 32) »

:: Avanposti (Pubblicato il 14/09/2020 00:58:44 - visite: 35) »

:: Cuore di mamma (Pubblicato il 06/09/2020 01:10:22 - visite: 44) »

:: Mai, mai, mai, mai nessuna al mondo mai (Pubblicato il 02/09/2020 01:22:23 - visite: 54) »

:: Can che abbaia (Pubblicato il 26/08/2020 04:24:50 - visite: 47) »

:: Poco lontano (Pubblicato il 21/08/2020 20:03:48 - visite: 51) »

:: In un luogo indefinito (Pubblicato il 11/08/2020 00:57:37 - visite: 63) »

:: in forma spasmodica (Pubblicato il 07/08/2020 01:01:45 - visite: 59) »