Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 167 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 13 18:37:37 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Se le ferite che ho dentro fossero visibili

di Angelo NGE Colella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/07/2020 08:08:42

Una volta da bambino
all'insaputa di mio padre
precipitai dalla mia bicicletta.
 
Lui pedalava davanti
insieme alla figlia
e non si accorse di me a terra che
lo chiamavo stridendo
come un suono di freni
per fargli capire e fermarsi. 
 
Caddi e nient'altro
però ebbi paura perché
ero rimasto indietro e da solo. 
 
Se le ferite che ho dentro fossero visibili
ed io me le auguravo in bella mostra
tutte sommate sarebbero taglietti
come per quei bambini che
il sangue che gli esce dalle ginocchia
li spaventa a morte e sono disperati.
 
Perché forse il dolore
come gli intoppi
può succedere e si va avanti
come per gli altri che
non mi chiedono più se mi fa male
perché sono abituati alle mie ferite
ed anche alle loro che sono molto peggio. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Angelo NGE Colella , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Angelo NGE Colella , nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ti avevo portato una rosa e non l’hai voluta (Pubblicato il 08/08/2020 18:28:57 - visite: 70) »

:: La malattia mentale odora di fiori (Pubblicato il 17/07/2020 23:22:28 - visite: 108) »

:: Ho di nuovo deluso una donna (Pubblicato il 12/07/2020 12:36:59 - visite: 129) »

:: Ricordo tutti i vestiti che ti ho tolto (Pubblicato il 23/06/2020 23:05:42 - visite: 192) »