Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 261 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 22 17:10:21 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

dieci leghe e una chiesa che la riassume (0,0)

di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/07/2020 15:36:34

 

 

dieci leghe e una chiesa che la riassume

:è la mia città → ora strettad’assedio dalla pestilenza

{quale-fantasiasinasconde-oltrelastaccionata}

(scendosalgoscendosalgoscendo… infine scendo)le scale*(dalla camera alla cucina dalla cucina alla camera)

infine il giardino*→ è il mio cerchio ristretto

 

 

*sono troppe…

troppe le creature che lì risiedono

quando passeggio nei miei passi

le vedo

e giro in tondo nel giardinotutt’intorno

le osservo

la campanella non suona

non arriva il postino

con il mio altrove

:il sogno che attendo è già di un altro

suona suona suona ma non suona… non suona non suona non suona suona-sosta e suona-sopra guarda sopra sososososososos papparapà… eccomi qua… non so più cosa pensare-oltre la portac’èun’altra delusione

 

allora-silenzio^silenzio^silenzio^silenzio*****

 

 

 

 

+

!zitto!

 

 

 

 

ok! ora mi siedo sul mio sedere [sedendo senza pensare…

 

…ché pensare potrebbe introdurre il male

quello speciale che mi fa pensare

{troppo a vuoto senza conclusione

[dove concludono i pensieri?

delle cose vedo le forme / di loro-pensieri no]

neppure le parole a cui mi(li) affido hanno forme

rigide a sufficienza

da intrappolare i pensieri-miei-disarticolati

pensieri miei disarticolati

pensierini miei…}

 

proprio non riesco a credere a questo male

 

che sì ha preso la zia*{l’ha squartata e portata altrove-da-dove-attendo il postino che non suona non suona non suona sosososososos papparapà… eccomi qua… non so più cosa pensare-oltre la portac’èun’altra delusione

 

allora-silenzio^silenzio^silenzio^silenzio*****

 

 

 

 

+

!ssshhh!

 

 

 

 

}*e il sale nella zucca di molti

fratelli

non ho fratelli che io possa condannare

genitori

né genitori che io non voglia ora baciare

qui nella mezzanotte

nel profumo di lavanda e bergamotto

{ma se li pensom’illudo : nessuno di loro è qui né so quando lo saranno}

penso ai miei passi in giardino tra le camelie

le piante magiche e il sorgere delle loro sembianze nella mia mente…

 

ho una questione da mettere in salvo

 

 

 

mi manca[tanto]la poesia che ha le parole giuste per il mio cuore

{quella che vive dentro al mio cuore e non alla mia mente↓

↓solo questa tu lettore medio[cre] capisci↓

 

La sera giunge lieta tra le campagne

si accende il silenzio dei passeri e dei merli

poi tutto si distende e sommerge

il paese una rarefatta nostalgia

di giorni d’infanzia quando la Vivonne

sorseggiava dai prati la propria verzura

e i salici si allungavano a disegnare

nelle sue acque correnti rette infinite

che il mio sguardo inseguiva

 

 

}salgo le scale salendo sui miei passi

penso sul mio pensiero sperando

che non ceda

 

 

 

{il treno risveglia il fantasma nella-lanterna

vedo da                                                  ø                         qui le piante magiche

 

:il luogo liturgico del piacere

:la bouganville m’incanta : stomp stomp stomp splat splat splat≈

≈arrivo arrivo arrivo …………………… ce la faccio sempre ah sempre ah ora!

allungo-allungo ritardando il momento d» perché vorrei che non finisse quel pungolo

che non arrivassequell’afrore che disdegno e nascondo↓

ora qui getto il rifiuto – ieri nella Vivonne… i pesci ne sono ghiotti

a frotte salgono e scendono per un tozzo di sperma

 

 

{l’universo ha voluto il cervello e la sua riproduzione nel piacere

[ci sarà pure un motivo? in ogni caso…] come posso non restituire al cosmo

ciò che mi ha procurato per il solo fatto

che tutto [da sempre] sta alle sue regole?

 

 

(ciò che mi ha procurato?→) ma non lui – casomai da me stesso –

se io-stesso-universo-non-doall’universo [me-stesso] ciò che io stesso mi sono dato per migliorarmi : e pensare a come farlo [luil’universo] ancora progredire verso il maggiore progresso possibile}

 

 

{ogni struttura crea strutture sempre più evolute → siamo un punto della linea ma non la fine}{vedo spreco di cervelli [lì poco oltre la staccionata] nella gente intrisa di paura per la pestilenza → ma forse la paura è la salvezza del cervello

 

lì si nasconde e agisce in fretta | fugge da…

fugge dove non fuggirebbe se non avesse paura

di tornare molecola nuda e cruda

disgregata senza pensiero senza sosta senza senza senza sole… sole sole…

sole mi manchi

 

domani sarò in giardino (mi troverai ad attenderti

perché se ho un cervello è anche per merito tuo) ci sarò

 

non verranno le creature che ho ideato

loro preferisconol’ombra → la notte è la loro-ora giusta

:arrivano tra le fantasie e si mostrano sotto tutti i profili

anche nelle forme più dure

 

sole sarò lì ad attendertiall’alba {quando nessuno ti aspetta e all’improvviso infilzi l’occhio}

quanti giorni-luce ancora la pestilenza lambirà i confini esterni di questa mente-giardino?

 

dieci leghe e una chiesa che la riassume

:è la mia città → ora strettad’assedio dalla pestilenza

{quale-fantasiasinasconde-oltrelastaccionata}

(scendosalgoscendosalgoscendo… infine scendo)le scale(dalla camera alla cucina dalla cucina alla camera)

infine il giardino → è il mio cerchio ristretto

 

chi sei?

sono troppe

chi sei?

 

 

 

 

[ poesia pubblicata in Quarantena a Combrat, LaRecherche.it ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Roberto Maggiani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Roberto Maggiani, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: malevoli meta moltitudini (videopoesia) (Pubblicato il 24/10/2020 15:14:32 - visite: 57) »

:: Lì, oltre il finestrino (Pubblicato il 09/09/2020 16:59:45 - visite: 89) »

:: Genesi (Pubblicato il 31/07/2020 10:43:19 - visite: 204) »

:: A proposito delle fregole per la pubblicazione (Pubblicato il 22/05/2020 18:27:45 - visite: 194) »

:: La resa (Pubblicato il 10/04/2020 13:45:33 - visite: 241) »

:: I sassolini bianchi di Pollicino (Pubblicato il 31/03/2020 10:58:51 - visite: 235) »

:: La matrice delle paure (Pubblicato il 27/03/2020 11:45:41 - visite: 427) »

:: Di due punti in due punti... (Pubblicato il 12/03/2020 12:31:39 - visite: 356) »

:: Ti ti tiii (Pubblicato il 14/02/2020 21:43:04 - visite: 347) »

:: I morti (Pubblicato il 31/10/2019 14:09:29 - visite: 447) »