Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 41 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Aug 7 08:14:56 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ti aprirò a poesia

di Alberto Rizzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2020 21:34:59

La prima cosa che colpisce

è questo nulla che separa

   questa trasparenza vigliacca

che ferma gli sguardi

                                come una parola imprevista

al tatto degli amanti che mai fummo

 

perché altrimenti destinati ad essere

 

e poi c’è il silenzio

                             quello che cresce sterminato

da assenza imprevista di parole

 

Gli alberi si muovevano appena

                                                 per grazia di vento

anche ai miei occhi

malgrado li tenessi chiusi

 

la mia staticità presente

fu poi intersecata

dal lento passo di un anziano

 

fuori dai nostri abbracci mancati

                                                  il cigolio di oggetti nelle sue tasche

alza nugoli di zanzare

                                 testimoni di degrado

al mondo come all’anima

 

Traspare dall’uccello

                                che di sua presenza macchia il prato

l’impronta sua di sauro

 

perciò anche nella tua regressione

si manifesta il tutto dei nostri verbi

                                                      coniugati che furono

alle mille possibilità

 

Generazioni e generazioni di primati

t’hanno svuotato gli occhi

                                        ormai

li rendono opachi come acqua

da cui affiora il ricordo

di quell’esperimento fallato

                                          quando quel tuo sguardo

mi si diverge appunto

e s’incista in ere lontane

e consunte dai piani d’esistenza

che a stento ricordiamo

 

come se quegli occhi riesumassero

un Abele che uccide Caino

e in un abbraccio cosìsìa

 

Traspaiono questi pensieri limacciosi

                                          incapaci di volare

                  questi chetoni dell’animo

che rimangono nel fango d’una mente piegata

esacerbati e stanchi

 

S’apre e chiude quella mano

                                           immota tu

fra altre persone parimenti immote

e non si sa per chi ciò accada

 

solo il nulla ci resta trasparente

                                                ora

e ci separa

                condizionando il tempo

che trascorre indifferente a queste vite

 

Io sarò la tua voce

                            ma tu non lo saprai

 

 

 

(tratta dalla raccolta inedita

“Il mestiere e altri accidenti”)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Rizzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Rizzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Si azzurra la linea d’ombra... (Pubblicato il 28/07/2020 14:46:25 - visite: 21) »

:: Dunque... (Pubblicato il 10/07/2020 22:34:28 - visite: 36) »

:: Sogno (Pubblicato il 15/06/2020 10:20:58 - visite: 59) »

:: Accade anche di sentire... (Pubblicato il 29/05/2020 14:33:43 - visite: 52) »

:: Impallidisce l’erba... (Pubblicato il 14/05/2020 14:47:54 - visite: 55) »

:: S’è palesata... (Pubblicato il 01/05/2020 21:02:05 - visite: 84) »

:: E di queste assenze... (Pubblicato il 26/04/2020 09:53:53 - visite: 68) »

:: Disincanto (Pubblicato il 11/04/2020 21:25:51 - visite: 94) »

:: ’La casa diverrà nido di vespe...’ (Pubblicato il 30/03/2020 20:59:42 - visite: 94) »

:: Il fronte temporalesco s’avanzava... (Pubblicato il 08/03/2020 09:42:06 - visite: 95) »