Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 44 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 26 04:08:32 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Canto oltre il delirio

di Rosetta Sacchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/09/2020 16:28:15

Hanno il suono flebile dei pensieri lassi desiosi di pace

i miei passi lenti noncuranti della strada

è uno strano ritorno la soglia dopo l’erta

in un sospiro rubato al silenzio

quando un altro giorno muore e la sera

t’accorgi d’una strana avarizia

 

delle poche parole tante sono morte negli anni

tante le abbiamo pronunciate bendati

quelle leggere il peso d’una carezza

trascurate per l’inclemenza crescente delle stagioni

 

Ti sovviene la morte col suo gelido fiato

a cancellare il torpore del tuo ordine inverso

tornano gli sguardi allo specchio riflessi

come lampi incrinati nell’aria

come scie meteoritiche fuggenti

 

è un abisso diverso quello in cui scivoli

al riparo dal rumore del giorno dove sai

che la poesia salverà il mondo

( è più di uno slogan è una fede )

ma è vera nell’attimo che sfiori l’eterno

 

poi impallidisce e tu tramonti col capo

reclinato d’un fiore. Il suolo l’ultima cosa

che sfiori stremato lontano dal ricordo

di quando carponi brucavi la strada

 

Comprendete ora la forza d’ una fiammella

nel buio universo tra i venti e quel suo ancheggiare

per resistere ancora all’ignoto

 

I passi lenti nella mente erano celeri

e i campi arati e i frutti caduti nel fango

le foglie ingiallite e i rami irti come armi sguainate

ci hanno fatto scordare il percorso la sua immane fatica

 

e i passi percettibili appena nel loro avanzare

si sono fermati una sosta soltanto una panchina deserta

l’orologio fermo ad una bieca stazione

 

la sera vestita di qualche vaga promessa

per placare le insidie del giorno

e fermare la morte e quel silenzio

che divideva il fruscio della seta dal cigolio della porta

 

poi con qualcuno abbiamo indossato la luce

sfiorandoci nel bacio più casto

abbiamo pregato inginocchiandoci

perché il dolore non fosse privilegio dell’anima

 

abbiamo immaginato traguardi con l’occhio d’un folle

e siamo tornati indietro nostalgici a guardare i binari

viaggi mai intrapresi scogli i passi fruscianti

la stessa voce dei nostri pensieri così uniti e così distanti

 

quando le mani operose davano vita alle cose

e i nostri piedi andavano lenti sotto cieli diversi

abbiamo coltivato fiori mietuto le spighe

irrigato la terra ed atteso il maturar delle vigne

abbiamo vissuto più di una vita

la nostra e quella dei cercatori di sogni.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Rosetta Sacchi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Rosetta Sacchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Fuori la luna splende (Pubblicato il 27/10/2020 17:42:37 - visite: 12) »

:: L’arcobaleno è solo un attimo (Pubblicato il 25/10/2020 19:05:45 - visite: 25) »

:: Sogno il vermiglio dei papaveri (Pubblicato il 24/10/2020 19:07:32 - visite: 23) »

:: Una gara tra pensieri e ricordi (Pubblicato il 23/10/2020 17:52:00 - visite: 25) »

:: Un tempo infedele (Pubblicato il 22/10/2020 18:52:04 - visite: 27) »

:: Vorrei che il dolore fosse pioggia (Pubblicato il 20/10/2020 16:04:10 - visite: 40) »

:: Tormento (Pubblicato il 19/10/2020 16:51:48 - visite: 25) »

:: Non ti parlo se non attraverso gli occhi (Pubblicato il 17/10/2020 16:35:49 - visite: 27) »

:: Sono solo un uomo (Pubblicato il 16/10/2020 17:23:02 - visite: 25) »

:: Una stagione indefinita (Pubblicato il 15/10/2020 16:55:45 - visite: 38) »