Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 47 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 28 20:07:29 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Uomini e no

di Marco G. Maggi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/10/2020 16:13:37

L’insetto che scivola stancamente

sulla rena accanto al grande fiume

sfida l’ultimo sole di settembre

 

non lontano dovrebbe esserci ancora

-sotterrata in qualche metro di fango-

la barca a motore di mio padre

portata via dall’alluvione del 75.’

 

Mi vengono in mente le rare volte

che correvamo sui flutti limacciosi

e sento di essere trattenuto ancora

figlio di questa terra e di queste acque.

 

Ma la sabbia che mi entra nelle scarpe

quella su cui adesso tengo il passo

potrebbe essere la stessa del deserto

su cui si trascinano le ombre dei dannati

in fuga verso uno scampolo d’Occidente.

 

Un giorno trovammo su questa pista

due volpi morte prese al laccio e, per

quanto questo modo di ucciderle

ci sembrasse terribilmente barbaro,

di certo il contesto era meno crudele.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marco G. Maggi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marco G. Maggi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pawn shop* (Pubblicato il 26/10/2020 11:49:42 - visite: 46) »

:: Una di quelle sere... (Pubblicato il 01/02/2020 16:45:11 - visite: 163) »

:: Sarebbe buffo... (Pubblicato il 28/01/2020 12:46:05 - visite: 180) »

:: Il rododendro (Pubblicato il 03/06/2019 19:48:14 - visite: 219) »

:: Ad Angela Ferrara nel suo 32’ compleanno#poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2019 20:02:04 - visite: 277) »

:: Pensiero per un bambino (Pubblicato il 28/01/2019 09:32:43 - visite: 216) »

:: Riuscire a dire #GiornoMemoria (Pubblicato il 21/01/2019 15:37:37 - visite: 387) »

:: Nonostante... (Pubblicato il 05/08/2018 15:07:27 - visite: 150) »

:: 24 ottobre, Caporetto (Pubblicato il 23/10/2017 22:49:16 - visite: 233) »

:: Giorno della memoria (Pubblicato il 08/02/2017 16:31:26 - visite: 153) »