Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 52 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 26 15:07:27 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sospeso

di Gil
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/11/2020 19:10:38


Hai sospeso il tuo sguardo sul mio dirsi
palle di Natale orfane d'un abete.
Quali sotterfugi di finzione
chiedi alla mia liturgia profana?
Non ho riti da proporti
se non questo quotidiano di respiri.

Oramai siamo giunti a quell'età
dove l'ultima erezione viene concessa
alle notifiche nel pieno della notte
- visione di Freud munito di taccuino -
una seconda ondata di onirici disegni
da leggere nei risvegli improvvisi del destino
come oracoli divinatori di oroscopi
sempre male interpretati o falsi simboli
che mascherano i fantasmi dell'inconscio
per evitare delazioni della coscienza
- la morale ha i suoi agenti nel controspionaggio della mente -.

Siamo diventati vecchi, vecchi d'un'età
senza più appelli e i muri di silenzi
non la difendono dalla propria fragilità;
la nostra è un'età debole: fragile il dolore
più non inganna con le sue disillusioni.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gil, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gil, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ventisette Gennaio (Pubblicato il 26/01/2021 11:51:43 - visite: 14) »

:: Così noi andammo (Pubblicato il 25/01/2021 10:07:39 - visite: 24) »

:: Verso sera (Pubblicato il 24/01/2021 10:41:47 - visite: 30) »

:: Dei mille stupori (Pubblicato il 23/01/2021 11:03:33 - visite: 19) »

:: Ogni giorno (Pubblicato il 23/01/2021 10:18:26 - visite: 13) »

:: Dei nomi (Pubblicato il 22/01/2021 14:17:01 - visite: 17) »

:: Idraulica (Pubblicato il 22/01/2021 08:33:42 - visite: 45) »

:: - Quando dimenticare è morire - (Pubblicato il 21/01/2021 20:46:06 - visite: 38) »

:: Quel venire (Pubblicato il 21/01/2021 12:55:59 - visite: 41) »

:: La vita anonima (Pubblicato il 20/01/2021 17:26:07 - visite: 46) »