Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 67 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 24 23:00:41 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sotto al tavolo

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/12/2020 00:18:19

 

 

 

Forse va bene un frontespizio

intercorso fra le vene e una faccia d'angelo

senza demoni alle frontiere

dove è facile trasgredire ad un inizio e ad una fine

tra le virgole sugli scaffali pochi atomi, privi di fede.

Per sapere delle vite di spostati dietro gli angoli.

Per farsene dire i capillari illuminati.

Un libro da regalare a nemici edulcorati

ad atavici personaggi di rimando.

Sotto l'albero un quintale di solstizi.

E poi vederti come intessuta di stelle filanti.

Arpeggiare di dita sul tavolo.

Ecco che mi esento dall'apparire romantico

nell' esperire pensieri ricorrenti a fusi orari

e stagioni balneari di spiagge desolate.

Per restare un po' da solo me ne andrò sotto al tavolo

a contare le gambe.

Le tue caviglie scomposte sono giunchi di fiume

piegano verso l'alto.

Tra le cosce perdo ogni ragione, mi separo in stadi.

Nel più evoluto bevo vino rosso e rido

alle battute degli altri.

Qualche volta sbianco.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: All’addiaccio del mio cosmo (Pubblicato il 27/02/2021 22:24:51 - visite: 16) »

:: All’albero maestro (Pubblicato il 25/02/2021 22:43:27 - visite: 36) »

:: Di essere (Pubblicato il 20/02/2021 22:44:24 - visite: 44) »

:: Di non essere (Pubblicato il 20/02/2021 22:27:39 - visite: 30) »

:: La vita è altrove (Pubblicato il 16/02/2021 22:56:01 - visite: 46) »

:: Il sole in agguato (Pubblicato il 09/02/2021 22:36:18 - visite: 40) »

:: Atomi di cera (Pubblicato il 08/02/2021 22:26:49 - visite: 50) »

:: Specchio specchio delle mie brame (Pubblicato il 01/02/2021 00:29:50 - visite: 45) »

:: Senza far rumore (Pubblicato il 28/01/2021 23:10:09 - visite: 57) »

:: Destinati a scomparire (Pubblicato il 26/01/2021 22:38:50 - visite: 51) »