:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 64 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 13 16:45:39 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I luoghi d’infanzia

di Franco Bonvini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2021 22:56:11

Ho tre luoghi d’infanzia
uno fino a otto, nove anni
cintato da mura in pietra
pieno di profumi di lago e dei suoi fiori
di legna alla stufa e calore buono.
Lì avevo sempre le mani sporche
di terra o squame di pesce o inchiostro blu del calamaio
tanto che al rientro me le facevano sempre lavare.
Uno dai nove anni fino a quando non so quando finisce l’infanzia
pieno di odori di benzina, pistoni oleati, grasso da catena e solventi.
Lì avevo sempre le mani sporche d’olio
e poi di rosso e blu d’inchiostro da stampa
una volta anche la faccia
quando ho aperto la pompa in pressione del blu tricromia,
le mani, la faccia e il locale
non se ne andava via lavando dalle pieghette della pelle.
E poi c’è questo dove sto
questo della terza infanzia
qui il blu è sparito dalle pieghette della pelle
ma da qui parto quando il cielo è blu
su ciclabili rosse, verso gli altri due e oltre.
Lo so che possono sembrare sempre gli stessi posti
ma ogni volta mostrano nuove meraviglie.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franco Bonvini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franco Bonvini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Un quadro senza cornice (Pubblicato il 14/05/2021 13:17:19 - visite: 75) »

:: Ombra (Pubblicato il 13/05/2021 09:11:37 - visite: 93) »

:: Dovrei proprio venire (Pubblicato il 09/05/2021 17:39:39 - visite: 44) »

:: Oggi mi farà da guida (Pubblicato il 09/05/2021 09:42:17 - visite: 45) »

:: Tormentato sogno (Pubblicato il 08/05/2021 15:27:44 - visite: 58) »

:: Meraviglie (Pubblicato il 07/05/2021 09:48:12 - visite: 137) »

:: Un lago in mezzo al lago (Pubblicato il 06/05/2021 08:35:48 - visite: 152) »

:: Dream doors (Pubblicato il 05/05/2021 07:40:38 - visite: 96) »

:: Muse stelle (Pubblicato il 03/05/2021 11:41:56 - visite: 54) »

:: L’avresti detto mai (Pubblicato il 28/04/2021 08:31:47 - visite: 104) »