:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 84 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 9 14:29:42 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Aria

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/04/2021 22:18:19

 

 

A volte l'aria s'incammina

su litorali circonflessi, arabeschi, quintessenze

tavolate imbandite di lietofine

e ricompense, d'esser vivi all'ennesima potenza

solo per pochi attimi, d'indicibile bellezza

quantificabili in lampi d'assenza dal proprio malessere.

Fiammeggianti antichi pensieri s'avvampano

di atomi guerrieri e immagini secondarie

in luogo di figuranti al teatro degli orrori

e belve addomesticate con amore

o secondo voglia di stagione, bestemmiando, eroici.

I polmoni compiono il miracolo e siamo noi

battito e cute, nervi in costume, figli del caos.

Essere guadi, per essere siepi, litoranee.

Avere fiordi di nuvole incastonati negli occhi

e cupe vampe d'accudire.

Per fare finta di morire, esplodendo in cantici

prevedendo nuova vita in fondo all'anima.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non esiste una regola (Pubblicato il 03/04/2021 22:22:24 - visite: 60) »

:: Se allunghi le mani (Pubblicato il 25/03/2021 22:26:02 - visite: 116) »

:: D’acqua salata (Pubblicato il 23/03/2021 22:42:23 - visite: 60) »

:: Naviganti (Pubblicato il 13/03/2021 00:00:09 - visite: 108) »

:: Letargo (Pubblicato il 10/03/2021 22:24:11 - visite: 126) »

:: Musica orecchiabile (Pubblicato il 01/03/2021 22:34:16 - visite: 69) »

:: All’addiaccio del mio cosmo (Pubblicato il 27/02/2021 22:24:51 - visite: 72) »

:: All’albero maestro (Pubblicato il 25/02/2021 22:43:27 - visite: 89) »

:: Di essere (Pubblicato il 20/02/2021 22:44:24 - visite: 87) »

:: Di non essere (Pubblicato il 20/02/2021 22:27:39 - visite: 64) »