:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 147 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jun 23 12:33:30 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Coabitazione in oggetto

di Ferdinando Giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/05/2021 16:41:44

 

Le cose si popolano di spettri

diventando cittadine perfette

e tutte per ognuno

prendono fattezze che dicono altro, 

ma a ben vedere si lasciano andare

alle stesse osservazioni. Sì, 

ci vuole lo spirito giusto per fissarle a lungo.

Le guardi di traverso e le attraversi

perché si facciano conoscere. Non tutte, 

dici non tutte. Le inattese

cosano molto ma non ricordi. 

Glisso sul divano così vuoto

da sembrare futuro dove 

è certo 

coabitano spettri imprevisti

e si aggiungono inserzioni nuove

da angoli inesistenti, in modo tale che un oggetto

come la fede sia: stato cerimonia coronamento

e malvolentieri freno. Non sempre, 

mormori sempre. Al termine del loro percorso

le mani avranno sfogliato parte del mondo

con arti ridodanti 

ma una sola impronta avrei voluto mi toccasse

come indice del terreno.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ferdinando Giordano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ferdinando Giordano, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Quando il profumo si dissolve (Pubblicato il 25/05/2021 13:26:13 - visite: 123) »

:: Come scomparse a venire (Pubblicato il 12/05/2021 10:10:27 - visite: 141) »

:: Ti auguro di essere (Pubblicato il 27/04/2021 13:39:41 - visite: 151) »

:: L’angolo della bocca (Pubblicato il 20/04/2021 14:28:54 - visite: 126) »

:: Come di passaggio (Pubblicato il 14/04/2021 10:23:01 - visite: 166) »

:: FG+L (federico garcia, morto lorca) (Pubblicato il 25/03/2021 10:37:31 - visite: 154) »

:: Mi disseti, come si sente (Pubblicato il 20/03/2021 12:04:43 - visite: 139) »

:: In luogo della vista (Pubblicato il 12/03/2021 12:16:32 - visite: 122) »

:: Il miracolo dei pesci e dei piani (Pubblicato il 02/03/2021 12:19:59 - visite: 106) »

:: Tante in una sola muta (Pubblicato il 18/02/2021 13:58:52 - visite: 210) »