:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 19 21:32:35 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nostalgico

di Hossam Barakat
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/07/2021 12:57:09

A volte ho nostalgia dei miei giorni d'infanzia
Quando la vita me la godevo avendo una mente sgombra
Perche' ero' un bimbo nato con Il cucchiaio d'argento in bocca Il quale non aveva nessun'ansia
Con i miei genitori che si prendevano cura di me per cui le mie preoccupazioni vivevano sempre nell'ombra

A volte ricordo me stesso quando ero' piccolo
Mentre giocavo a girotondo ed a nascondino con i miei colleghi di scuola
Con mio padre che mi insegnava come guidare Il nostro trabiccolo
E mia madre che per le mie diavolerie mi gridava sempre a squarciagola

A volte tengo sempre vivi nella mia memoria i preziosi consigli di mia nonna e di mio nonno
Con le loro parole sagge che illuminavano la mia via
E le loro fiabe raccontate solo per farmi avere sonno
E per allargare i miei orizzonti e soddisfare la mia fantasia

A volte sono elegiaco ritornando indietro
A quei giorni quando insieme ai figli dei nostri vicini giocavo nelle feste con i petardi
Perche' mi trovavo sempre nel proprio centro
Con mia zia che ad ogni mio rimpianto infondeva a me grinta e carattere dicendomi sempre che non e' mai Il caso di abbatterti perche' non e' mai tardi

A volte mi sento trascinato dai giorni dei miei studi
Con mia madre che mentre facevo i compiti, era desta preparandomi una tazza di caffe' e colazione
E mio padre che si sentiva divino quando ero' promosso dicendomi sempre che per ottenere ottimi risultati nella vita , lavora tanto e sudi
Oltre a giocare a calcio durante
l'intervallo nel cortile della mia scuola che era' la mia prima passione

A volte scoppio in risate quando mi vengono in mente i giorni della mia prepuberta'
Durante la quale mi stupiva Il fatto che la mia voce allora e' diventata man mano piu' virile ed Il mio corpo si stava maturando
Per inaugurare i cambiamenti psichici e morfologici di cui mia madre era' consapevole preparandomi alla mia adulta eta'
Oltre a mio zio che mentre rimorchiavo con le ragazze amiche , in flagranza mi stava sempre catturando

A volte rimpiango la mia adolscenza
Che e' passata fra felicita' intrisa di risate con i miei coetanei
E tristezza piena di lacrime per Il mio primo perduto amore dove sono stato rapito dall'ingannevole apparenza
Con la mia amata d'allora che aveva la bellezza ed il fascino mediterranei

A volte sono malinconico nel ricordare i miei giorni quando facevo la naia
Che era' una dura avventura cui mi ha fatto diventare l'uomo che oggi sono
Mentre scherzavo con i miei compagni della stessa leva per far passare Il tempo lento che con le nostre battute si trasformava in un'esperienza gaia
Oltre al far fuoco che mi travolgeva l'anima e la mente come se fosse un tuono

A volte mi sento un prigioniero della mia gioventu' che rappresenta i miei giorni di gloria
Durante cui ero' proprio come un re' che possiede l'intero universo e dove mi sono tanto soffermato
Perche' rimangono sempre impressi nella mia memoria
Che mi porta a pensare del mio bel passato

A volte mi guardo nello specchio
Per accertarmi di me stesso e di quello che sono divenuto
Con le mie rughe con cui mi sono accorto di essere un vecchio
Che con i suoi capelli grigi ha tanti anni sulle spalle stancandosi di vivere ma e' sempre giovane con la mente che erra in spazi lontani dove si e' ricordato di tutto cio' che nella vita gli e' accaduto

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Hossam Barakat , dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Hossam Barakat , nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Madre natura (Pubblicato il 05/08/2021 09:15:51 - visite: 45) »

:: Scheggia d’amore (Pubblicato il 26/07/2021 13:11:10 - visite: 105) »

:: Alla mia eta’ (Pubblicato il 26/07/2021 13:03:51 - visite: 79) »

:: Appagamento (Pubblicato il 26/07/2021 12:36:30 - visite: 49) »

:: Voglio un mondo (Pubblicato il 26/07/2021 12:27:41 - visite: 82) »

:: Amica donna mia (Pubblicato il 26/07/2021 10:19:00 - visite: 116) »