:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 391 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Nov 28 07:14:56 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Posa ch’è dubbiosa

di Salvatore Pizzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/05/2022 22:00:55

Così, almeno, speranza ho di vederti

pur tra cento spettatori confusa,

 nel gran teatro dalle vene aperte

a sipario aereo strappato d'imperio,

 

già con una sceneggiatura  per me

inscritta con inchiostro, irraggiato oro

fasullo, dai mille soli infernali:

quelli invernali tanto freddi e vaghi

 

avvolti dalle nebbie delle logge;

mescolati assieme, quelli d'estate

marchianti a fuoco la cute con raggi

d'acute sinfonie irritanti i pori

 

che, a darci spago, sprigionano rossi

sfoghi, ad ogni appuntamento puntuali.

Come la morte di scena che sbotti

e a ogni battuta rimbrotti precisa 

 

posti a sedere assegnando casuali.

Si che, feroci, ci si gratti a sangue

peggio d'aver d'una guerra la rogna

e alla gogna si mettesse la pace. 

 

Così, almeno, speranza ho di vederti,

ma tu dimmi, ora che ti vedo seria

fissarmi aria di rovine fumanti,

che parte mi spetta in commedia ad oggi?

 

Sai già che sul proscenio  taccio incerto:

rifuggo dal dar seguito a commento

soltanto assumo posa ch'è dubbiosa.

Così, almeno, speranza ho di vederti.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Pizzo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Pizzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ricolmi di stupore (Pubblicato il 25/11/2022 22:08:45 - visite: 65) »

:: Un verso il futuro (Pubblicato il 17/11/2022 21:12:43 - visite: 352) »

:: Presagio (Pubblicato il 10/11/2022 21:04:12 - visite: 117) »

:: Fragile coccio all’incrocio (Pubblicato il 01/11/2022 21:29:47 - visite: 159) »

:: Se si è vivi o morti (Pubblicato il 24/10/2022 21:09:33 - visite: 156) »

:: Haiku e fango (Pubblicato il 17/10/2022 22:14:20 - visite: 97) »

:: Un lupo è un lupo (Pubblicato il 10/10/2022 22:03:31 - visite: 123) »

:: Ivi (Pubblicato il 28/09/2022 23:38:49 - visite: 186) »

:: Lavacro (Pubblicato il 20/09/2022 22:16:40 - visite: 191) »

:: Polvere di conchiglie (Pubblicato il 12/09/2022 22:03:04 - visite: 167) »