:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 39 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jan 16 22:28:36 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Vajra

di alessandro venuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/11/2022 12:03:52

Della mia vita non conosco

che ciò che sento;

delle ore più buie 

ho fatto preziose

lezioni quando,

solo nella notte,

evado il mio tempo.

In ascolto.

E mentre guardo il ramo

frondoso tendersi sulla strada

penso allo scorrere leggero

di un respiro

sulla tua pelle,

che reagisce

al tocco;

rivedo i tuoi occhi farsi

grandi, 

le labbra aprirsi sui denti bianchi,

tumide. Un sospiro ci lega

al di là del tempo,

al di qua del fiume.

Potranno anche dividerci,

ma da quando siamo due

sarò sempre uno.

Della mia vita non conosco

che ciò che 

immagino; mi sono accecato

affinchè tu mi mostrassi il cammino,

sordo al mondo ho

iniziato a sentirti. Ho chiuso le porte

all'uomo, per aprirle alla dea.

Oh, figlio degli dei,

bentornato in famiglia.

Il fulmine suggella la nostra

unione, vincolati

nel vajra indistruttibile dei nostri

intenti. Leviamo in alto il calice,

è pieno del mio sangue; 

sulle mie ossa danza il sacro ritmo

del tuono. 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore alessandro venuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

alessandro venuto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La stella del Nord (Pubblicato il 13/01/2023 11:30:36 - visite: 24) »

:: Come un lampo nel cielo (Pubblicato il 12/12/2022 14:30:10 - visite: 26) »

:: Il battito (Pubblicato il 03/12/2022 13:43:54 - visite: 46) »

:: Creature incompiute (Pubblicato il 30/11/2022 12:45:37 - visite: 59) »

:: Raven (Pubblicato il 27/11/2022 15:03:16 - visite: 382) »

:: Valkyrie (Pubblicato il 26/11/2022 14:16:47 - visite: 45) »

:: Mondi lontani (Pubblicato il 07/10/2022 22:20:02 - visite: 104) »

:: Senza parole (Pubblicato il 14/05/2022 18:31:28 - visite: 285) »

:: Solitudo (Pubblicato il 07/05/2022 16:03:58 - visite: 113) »

:: Adige (Pubblicato il 06/05/2022 16:46:50 - visite: 267) »