:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 165 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 6 21:22:06 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ah, vita!

di Dereck Louvrilanmè
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/09/2023 12:40:44

Nella stanza d’attesa la visita è concessa

per grazia del santo e non c’è festa

per l’ambito seguente. È strano quanto

gli sguardi ci rendano scorpioni

e la coscienza somigli ad una rana.

Lei sosteneva che i visi pazienti

fossero volti altrove. Affermò che la speranza

deve concedere al timore uno sguardo vuoto.

E il vuoto è che la prossima ora potrebbe

farsi senza i resti delle stagioni precedenti 

e non tanto a breve il diavolo si lascerà

prendere per buon motore. L’errore fu 

dirglielo con queste parole. Che è come 

abbindolare la rana con la scelleratezza 

dello scorpione.

Lei disse che per approdare sulla riva

bisognava andare a fondo. E camminare

vs corrente trattenendo il fiato 

come assuefazione.

Era lucida ironica spietata. Oh, lei 

indubbiamente aveva sensibilità a fior di terra.

Lungo la schiena saliva il grido

come l’asino di Buridano: tirava tirava

senza raggiungere la bocca. E si spense

a vita.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dereck Louvrilanmè, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dereck Louvrilanmè, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Quello che non ti ho letto (Pubblicato il 22/11/2023 18:42:29 - visite: 87) »

:: Delle paci, che si nutrono di guerre (Pubblicato il 06/11/2023 16:05:52 - visite: 108) »

:: Delle guerre, che non trovano paci (Pubblicato il 03/11/2023 15:13:04 - visite: 131) »

:: Dell’amore, che non si capisce (Pubblicato il 31/10/2023 14:43:59 - visite: 135) »

:: Dell’orgoglio, come isola (Pubblicato il 23/09/2023 18:11:47 - visite: 94) »

:: Della cura, come si diceva (Pubblicato il 20/09/2023 18:30:43 - visite: 186) »

:: Dell’alba, come ricordo (Pubblicato il 15/09/2023 17:19:44 - visite: 175) »

:: Per buona merce (Pubblicato il 08/09/2023 18:57:35 - visite: 165) »

:: Simili orpelli (Pubblicato il 01/09/2023 16:16:48 - visite: 172) »

:: Nella cruna dell’ego (Pubblicato il 18/05/2023 13:36:19 - visite: 197) »