:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 46 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 14 23:37:52 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pomeriggio Di Giugno

di Domenico De Ferraro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 18/06/2024 18:33:27

 

POMERIGGIO DI GIUGNO

 

 

Pomeriggio  di giugno, solo nel  mio vecchio sogno , appeso  a testa in giù  ad nuvola , vago per il cielo ,  verso un mondo fantastico ,vado dove mi pare , dove  mi porta questo vecchio cuore, dove batte il mio cuore.  Solitario vecchio cuore di marinaio che naviga a poppa su una nave fantasma. Navigo verso i confini dell’immaginario cercando un amore impossibile. Bella la mia anima, bella la strada,  bella  la libertà , balla questo uomo , verso altri giorni in bilico nella sua generazione ,nella sua genealogia ,nella sua  fragilità nella sua accidia ,nell’odio che ho coltivato a lungo dentro il mio cuore.  Domenica c’è un aria calda e serena .Sogno d'estate, di mare e libertà . Vorrei volare via, lontano da qui andare oltre quello  ho sempre sognato,  in quello  ho sempre creduto in questo circolo di opposti e di versi spogli scoppiettanti i quali si fanno bianchi e rosei , si fanno dolci concetti . Ed urlo contro il muro dell’odio contro l’umanità che muore.

 

Chiudo gli occhi e immagino un posto migliore , immagino altri giorni che verranno , immagino un amore vero,  un amore sincero. Immagino questa vita sotto un arco di pietre antiche , con questa mia pietà. Con questo mio corpo , nel mio spirito  io salgo  le scale che conducono al paradiso. Dove tu m’aspetti nuda o vestita di tanti coriandoli , di tanti sorrisi , di tante lusinghe che sono lungimiranti , meravigliosi e spirituali come una corona di rosario nelle mani di Maria. E poi  accade vedere  le  luci in riva al mare e l’isola della libertà , visibile all’orizzonte. E visibile questa vita la quale  annega in questo mare di gioie , in questa legalità , ed io ho legato il cavallo ad un carro , ho legato il mio nome alla sorte , ho legato questa vita alla mia libertà. , dove tutto è possibile. Vivo  con le persone che amo,  rido e scherzo  senza pensieri, ed  aspetto la felicità si faccia vedere , si faccia signora , in questa mia armonia  immagino questo mio gioco  il quale mi  conduce di nascosto  verso di te. E  le orme dei mie passi mi seguono nell’oscurità del mio percorso ed io  sono nell’ossesso del mio sesso , sono all’apice di un insuccesso , sono a terra , sono qui in ginocchio a medicare questo corpo senza più amore il quale  siede per terra dorme sopra un marciapiede.

 

Cammino sulla spiaggia, scalzo e felice . La sabbia  scorre  tra le dita, il vento  accarezza i miei capelli . Guardo il mare immenso, mi riempie di pace . E so  in questo momento, tutto è perfetto tutto sarà come ho sempre sognato . E danzo e rincorro nel vento la mia vita. Rimpiango i miei giorni di giovane,  rimpiango quella giovinezza ,  quella casta bellezza,  quelle  ore passate con te mano nella mano  . Tu  magica  come una colomba , ed io tubo e turbato mi muovo dentro la mia gabbia . E  questa la mia libertà questa la mia gioia . Il mio cammino lungo una  spiaggia  di pomeriggio , lungo questo sogno fatto di tante cose inutili , fatto di tanti ricordi  e tanta  dinamite pronta ad esplodere , pronta a dire tutto quello che c’è da dire . Per ridiede e mettere avanti al fatto compiuto una maternità nera  a metà . Un percorso dentro un pronto soccorso . Ed io credevo di potercela fare ad essere il tuo amore il tuo uomo,  il tuo giudizio ma l’amore mi ha fatto confessare la mia fragilità , mi ha portato oltre quello  credevo poter dire ,  oltre quello che potevo offrire.

 

Chiudo gli occhi e immagino un luogo  migliore , dove tutto è possibile . Con le persone che amo, rido  e scherzo  senza pensieri, inseguo la mia  felicità. La mia domanda  è la mia risposta la mia poesia è cosi infantile non ha più uno scopo e solo carta straccia. Ed il sole illumina il mio viso , illumina i mie giorni . Ed io cerco una spiegazione a quello  che ho sempre desiderato e creduto volere essere , un uomo libero , un sogno , un amore , una compagna come te , una amica io  amo , un amica senza domande e senza risposte in queste sere estive in queste sere di giugno io sogno e continuo a sognare un altra vita ed un altra avventura . Altri viaggi ed altri amori. Io aspetto di essere felice di essere un uomo libero. Di essere un amore un vero amore , mentre una stella brilla la in fondo dove la notte cosi oscura , dove la strada si fa stretta e miscredente , dove io danzo e cerco di salvare il mio prossimo.  Dove il tempo non e più il mio tempo ma il tempo di un racconto.

 

Sò tutto  questo è solo un sogno . Ma è così bello sognare , non voglio svegliarmi voglio continuare ancora a viaggiare a navigare in questo mare contro mille correnti , contro tanti pericoli contro questi corsi e ricorsi . Per giungere ad un  punto di non ritorno. Il punto dove ogni uomo sogna di stare.  Riposare e sperare di essere rinato per essere un  nuovo canto,  un nuovo canto di libertà. Un nuovo racconto , per essere ancora uomini ed il mio racconto non ha mai termini oltre i minimi termini , oltre ogni mio ricordo , oltre ogni odio  , odo dentro di me , una voce di libertà. Una voce celeste , una voce , risuona con il canto dei vagabondi degli ubriaconi , dei marinai , dei morti per caso per diritto o dovere Per tanto tempo ancora io inseguo  questa sorte  la inseguo attraverso il mio sognare , verso il mio immaginare , fino dove  si possa essere uomini per volontà e per diritto acquisto io vorrei conquistare  un posto in paradiso.

 

Chiudo gli occhi e immagino  un luogo migliore , dove tutto è possibile vivo con le persone che amo,  rido e scherzo  senza pensieri, ed aspetto di conquistare la mia  felicità . Di vedere i tuoi occhi e le tue mani,  il tuo corpo di  ascoltare la tua voce . Io vivo altri giorni e altri viaggi ed immagino,  in giugno in questa sera  d’estate la mia esistenza , la mia donna , la mia famiglia , la mia felicità,  la mia  felicità.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Domenico De Ferraro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Domenico De Ferraro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mamma Macchina Rap (Pubblicato il 13/05/2024 19:59:06 - visite: 61) »

:: Slang Musicale (Pubblicato il 23/04/2024 18:47:01 - visite: 58) »

:: Canto Del Gallo (Pubblicato il 20/02/2024 19:39:34 - visite: 159) »

:: Gennaio Blues (Pubblicato il 21/01/2024 17:18:58 - visite: 100) »

:: La Pioggia (Pubblicato il 06/01/2024 14:42:52 - visite: 120) »

:: Abbracciati Ad Una Croce (Pubblicato il 22/10/2023 17:38:52 - visite: 157) »

:: LAa Danza Delle Lucciole (Pubblicato il 28/06/2023 21:40:37 - visite: 206) »

:: IL Mio Cuore E’ Una Farfalla (Pubblicato il 29/04/2023 20:41:46 - visite: 322) »

:: Canzone Dantesca (Pubblicato il 25/03/2023 19:09:21 - visite: 300) »

:: Passerò Un Altro Natale (Pubblicato il 17/12/2022 17:16:08 - visite: 160) »