:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 985 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 7 04:07:19 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tramonto

di Alessandro Ferrari
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2011 00:17:24

Cosa cercano i gabbiani nel vento?
Dove volano i gabbiani nel vento?
Forse cercano ancora il sole che muore
e si lasciano trasportare dolcemente
contro questo cielo livido e purpureo.
dove vanno, mentre il mare si scatena
contro gli scogli e solleva spruzzi
che sembrano volerli colpire.

Cosa cercano i gabbiani nel vento?
O forse: cosa vorremmo stessero cercando.
Forse le risposte che sfuggono a noi,
quelle che non sappiamo ascoltare.
Forse vorremmo che le trovassero
e le portassero sino a noi.
vorremmo che dal cielo potessero
guardare il futuro per aiutarci.
Ma per quanto si spingano in alto
non riusciranno a guardare così lontano.

Dove se ne vanno i gabbiani
contro questo cielo sempre più cupo,
loro che in realtà non hanno domande
e che non hanno bisogno di risposte.
Forse volano verso il sole giusto per salutarlo,
un ultimo giro di walzer
prima che la luce si spenga.
Prima di aspettare il vento di domani.

Eccoli ancora a solcare il cielo
nelle loro solite traiettorie,
sicuri ed esperti del loro poco
come la nave che esce dal porto,
tutte le luci accese.
Da qui sembra scivoli via senza problemi,
silenziosamente.
Maestosamente.

I gabbiani sanno su quale scoglio si poseranno domani
così come la nave sa in quale porto farà scalo.
Noi restiamo qua, ad una finestra sul mare
sognando di poter essere un gabbiano, un giorno.

Restiamo a guardare da questa finestra sulla vita
dove il mare nasconde i nostri dubbi,
e noi come la nave lo solchiamo
erroneamente sicuri
perchè quelle onde potrebbero tirarci giù
da un momento all'altro.
Forse vorremmo solcarlo, quel mare
come fanno i gabbiani, senza domande,
sicuri ed esperti delle piccole vite
che riusciamo a ritagliarci.

O forse è meglio porsi queste domande
è meglio vivere e provare
e tuffarsi nudi nel mare;
cercare di arrivare sin dove possiamo spingerci
sin dove i polmoni ci portano,
sotto quel mare a guardare i nostri dubbi.
Perchè quei gabbiani forse
neppure si accorgono dei colori di questo cielo,
neppure si accorgono della bellezza di questo mare
che sembra chiamarli con rabbia.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alessandro Ferrari, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Ferrari, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Tutti questi anni (Pubblicato il 24/07/2011 11:15:37 - visite: 1289) »

:: Una fata...una notte (Pubblicato il 07/05/2011 16:41:24 - visite: 1290) »

:: E poi (Pubblicato il 30/04/2011 23:41:37 - visite: 1075) »

:: Che cosa siamo (Pubblicato il 05/04/2011 23:58:26 - visite: 1368) »

:: Una sola bandiera (Pubblicato il 02/04/2011 00:48:46 - visite: 1183) »

:: L’ultimo petalo (Pubblicato il 01/04/2011 11:56:15 - visite: 917) »