:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1184 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 20 10:53:18 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Queste care, fragili ossa


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/04/2016 12:00:00

 

Elettroforesi

 

M’imponi, necessità inalienabile
reverenziale rispetto del verso
come fosse un sacro crisma, un cristallo
da imballare con la dizione fragile,
t’aspetti assoluzione consolante
di rima ritmo luna amore stelle,
per lo meno l’aderenza al canone
in questa incontinenza dell’esistere.

Nella congerie osmotica del secolo
che vede l’uomo al bivio del suo nulla
non serve un trabocchetto, la fasulla
moneta dell’incanto ad ogni costo,
bisogna distillare il sentimento
disporlo in una curva intellegibile
e farne il diagramma degli stimoli
dargli la giusta coppia, potenziale
impulso e carica, elettroforesi.

Il verso va pressato all’essenziale
sforbiciato, sfrondato con tronchesi,
la nostra persistenza ormai è endemica
s’appoggia a pochi esatti gesti certi:
il cambio gomme, la curva glicemica
il piano di raccolta dei rifiuti
l’adeguamento ISTAT, la giusta diùresi
l’IMU e l’alvo regolari, l’afèresi
del poco che vale, dal tutto vile.

 

 

Ai più umili organi

 

Ai più umili organi, senza blasone
motori silenziosi dell’esistere,
spazzini al ciglio delle grandi arterie
affollate dai plenipotenziari
maestri dell’assolo virtuosistico,
organi per gli addetti del mestiere
per melomani da enciclopedia,
timo ipofisi - epifisi surreni
langerhans retto - milza ano adenoidi

Agli organi che fa ribrezzo dire
ad alta voce senza vezzeggiare,
a miti officianti di secrezioni
che ancora in fasce s’impara a storpiare
con onomatopeici scioglilingua,
che non saranno mai Cuore Cervello
non meritano tutto quel riguardo
appena un po’ più utili del calcagno
un po’ più onorevoli della lingua

Agli organi proscritti da ogni musica
sia lode, araldi della dissonanza
tartaree trombe della raucedine
sabotatori d’ogni scala armonica
con quel graffio sfrontato, quella ruggine
che li fa un po’ la Joplin, un po’ Dylan.

 

 

Dilemmi metrici

 

Chissà se ci chiameranno per nome
o prenderanno il calco delle impronte
per evitare ogni contraffazione,
forse sarà un pigmento assolutore
sull’iride, il distintivo corredo
dentario, l’olografia del viso.
Certo non ci salverà l’incanto orfico
lo scadenzario netto degli accenti
la moltitudine di fogli oppressi
per farne metro esatto dell’esistere.
Dicono basti preservare l’anima
cromarla a prevenzione della ruggine
proteggerla dalle umane intemperie
serbarne proporzioni, grammatura
come la barra di platino iridio
nel sottovuoto del sancta sanctorum,
museale campionario inviolabile
immunizzarla nella formalina.

Noi che abbiamo lordato mani e sangue
per darci illusione d’aver vissuto
poi renderci alla creta dell’origine,
fidiamo in una deroga al giudizio,
nel pentimento in zona Cesarini
per chiudere ai rigori la partita.
Col tocco d’imprevisto che non guasta
per dare la sostanza ad un finale
come in un film di pirati esemplare
lo scrigno d’oro spunta tra le nasse,
ci dia aggio se lasca è la misura
un provvido errore di parallasse.

 

 

Poesie terze classificate alla seconda edizione (2016) del Premio Letterario Nazionale indetto da LaRecherche.it: Il Giardino di Babuk - Proust en Italie

www.larecherche.it/premio.asp ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: La vita è altrove (Pubblicato il 21/06/2021 12:00:00 - visite: 75) »

:: Libro del Sole (Pubblicato il 14/06/2021 12:00:00 - visite: 76) »

:: Invisibile (Pubblicato il 07/06/2021 12:00:00 - visite: 95) »

:: La strage degli aquiloni (Pubblicato il 31/05/2021 12:00:00 - visite: 92) »

:: Teatrin de vozhi e sienzhi (Pubblicato il 24/05/2021 12:00:00 - visite: 209) »

:: Minime circostanze (Pubblicato il 17/05/2021 00:14:00 - visite: 166) »

:: Vela e timone (Pubblicato il 10/05/2021 12:00:00 - visite: 150) »

:: Poesie (2020-1997) (Pubblicato il 03/05/2021 12:00:00 - visite: 114) »

:: Cinque inediti (Pubblicato il 26/04/2021 12:00:00 - visite: 200) »

:: Conclusioni (Pubblicato il 19/04/2021 12:00:00 - visite: 176) »