Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 209 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 22 22:11:47 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La vita della parola


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/08/2020 12:00:00

 

*

 

Spesso un bianco di pagina accoglie

la sera nel canneto e tu torni

come una brezza lieve: ad occhi chiusi

senza voce né tempo nel volo delle rondini

sfociano gli istanti. Pare vero il mio andare

nei tuoi occhi, la corsa per tagliare l’aria

che ci avrebbe accolti. Venne poi la pioggia

a cancellare le tracce, a portarti da sola

all’altro lato della nostra notte.

 

 

*

 

C’erano quattro finestre in quella casa. 

Quattro finestre eternamente chiuse.

E c’era qualche sogno appeso alle pareti,

qualche follia legata alle finestre chiuse.

Ma non c’era più la vita in quella casa.

 

 

*

 

Saperti in un posto inimmaginabile,

vederti passare dove le querce

mutano con le stagioni.

Guardare la salita degli affanni,

gli specchi dei cambiamenti.

E chiedersi fino a che punto

gli impostori siano amici del dolore.

Fin dove arrivino le orme

ora che i tuoi sentieri

si perdono nella misura

dei pensieri.

 

 

 

Da La vita della parola, Bonifacio Vincenzi, Macabor Editore, 2020

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Hymne an die Nacht - Inno alla notte (Pubblicato il 30/11/2020 12:00:00 - visite: 6) »

:: sguardi sul mondo intorno e dentro (Pubblicato il 23/11/2020 12:00:00 - visite: 123) »

:: Vento blu (Pubblicato il 16/11/2020 12:00:00 - visite: 147) »

:: tre poesie (Pubblicato il 09/11/2020 12:00:00 - visite: 132) »

:: due poesie (Pubblicato il 02/11/2020 12:00:00 - visite: 132) »

:: due poesie (Pubblicato il 26/10/2020 12:00:00 - visite: 132) »

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 171) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 148) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 211) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 304) »