Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 177 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jan 23 22:21:20 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Hymne an die Nacht - Inno alla notte


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2020 12:00:00

 

Welcher Lebendige,

Sinnbegabte,

liebt nicht vor allen

Wundererscheinungen

des verbreiteten Raums um ihn,

das allerfreuliche Licht –

mit seinen Farben,

seinen Strahlen und Wogen;

seiner milden Allgegenwart,

als weckender Tag.

Wie des Lebens

innerste Seele

atmet es der rastlosen

Gestirne Riesenwelt,

und schwimmt tanzend

in seiner blauen Flut –

atmet es der funkelnde,

ewigruhende Stein,

die sinnige, saugende Pflanze,

und das wilde, brennende,

vielgestaltete Tier –

vor allen aber der herrliche Fremdling

mit den sinnvollen Augen,

dem schwebenden Gange,

und den zartgeschlossenen,

tonreichen Lippen.

Wie ein König

der irdischen Natur

ruft es jede Kraft

zu zahllosen Verwandlungen,

knüpft und löst unendliche Bündnisse,

hängt sein himmlisches Bild

jedem irdischen Wesen um. –

Seine Gegenwart allein

offenbart die Wunderherrlichkeit

der Reiche der Welt.

Abwärts wend ich mich

zu der heiligen, unaussprechlichen,

geheimnisvollen Nacht.

Fernab liegt die Welt –

in eine tiefe Gruft versenkt –

wüst und einsam ist ihre Stelle.

In den Saiten der Brust

weht tiefe Wehmut.

In Tautropfen will ich hinuntersinken

und mit der Asche mich vermischen. –

Fernen der Erinnerung,

Wünsche der Jugend,

der Kindheit Träume,

des ganzen langen Lebens

kurze Freuden

und vergebliche Hoffnungen

kommen in grauen Kleidern,

wie Abendnebel nach

der Sonne Untergang.

In anderen Räumen

schlug die lustigen

Gezelte das Licht auf.

Sollte es nie

zu seinen Kindern wiederkommen,

die mit der Unschuld Glauben

seiner harren?

Was quillt auf einmal

so ahndungsvoll unterm Herzen,

und verschluckt der Wehmut

weiche Luft?

Hast auch du

ein Gefallen an uns,

dunkle Nacht?

Was hältst du

unter deinem Mantel,

das mir unsichtbar kräftig

an die Seele geht?

Köstlicher Balsam

träuft aus deiner Hand,

aus dem Bündel Mohn.

Die schweren Flügel des Gemüts

hebst du empor.

Dunkel und unaussprechlich

fühlen wir uns bewegt –

ein ernstes Anlitz

seh ich froh erschrocken,

das sanft und andachtsvoll

sich zu mir neigt,

und unter unendlich verschlungenen

Locken der Mutter

liebe Jugend zeigt.

Wie arm und kindisch

dünkt mir das Licht nun –

wie erfreulich und gesegnet

des Tages Abschied. –

 

 

 

Inno alla notte

 

Quale vivente,
dotato di sensi,
non ama su tutte
le meravigliose parvenze
dello spazio che intorno a lui si spande,
la più gioiosa, la luce –
coi suoi colori,
coi raggi e con le onde;
con la sua dolce onnipresenza
di giorno che risveglia?
Come la più profonda
anima della vita
la respira il mondo gigantesco
delle insonni costellazioni,
e nel suo flutto azzurro
nuota danzando –
la respira la pietra scintillante,
che riposa in eterno,
e la pianta sensibile che succhia
l’animale multiforme,
selvaggio e ardente –
ma su tutti
il maestoso viandante8
con gli occhi pieni di profondi sensi
col passo leggiero, e con le labbra
ricche di suoni dolcemente chiuse.
Quale regina
della natura terrestre
essa chiama ogni forza
a mutamenti infiniti,
e vincoli infiniti annoda e scioglie,
avvolge ogni essere terrestre
con la sua immagine celeste.
La sua presenza sola manifesta
il meraviglioso splendore
dei reami del mondo.
Da lei mi distolgo e mi volgo
verso la santa, ineffabile,
misteriosa notte.
Lontano giace il mondo –
perso in un abisso profondo –
la sua dimora è squallida e deserta.
Malinconia profonda
spira dentro le corde del mio petto.
Colare io voglio in gocce di rugiada,
e con la cenere mischiarmi. –
Lontananze della memoria,
desideri di gioventù,
sogni dell’infanzia,
brevi gioie e vane speranze
di tutta la lunga vita
vengono in vesti grigie,
come nebbie della sera
quando il sole è tramontato.
In altri spazi
piantò la luce le festose tende.
Mai più non tornerà
ai figli suoi, che con fede
d’innocenti la attendono?
Quale cosa a un tratto zampilla
sì piena di presagi
sotto il cuore
e inghiottisce la molle brezza
della malinconia?
Da noi ricevi anche tu godimento,
o tenebrosa notte?
Quale cosa tu porti
sotto il tuo manto,
che gagliarda e non vista
all’anima mi giunge?
Delizioso balsamo
dalla tua mano stilla,
dal mazzo di papaveri.
Le gravi ali dell’anima tu innalzi.
Noi ci sentiamo oscuramente
e ineffabilmente agitati –
con gioioso spavento
io scorgo un volto grave
che sopra me si china
dolce e devoto,
e svela tra riccioli
senza fine intrecciati
la cara giovinezza della madre.

 


[ da Inni alla notte, Novalis, trad. di Giovanna Bemporad, Morcelliana (1952) ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Trilogia d’un tormento (Pubblicato il 25/01/2021 12:00:00 - visite: 96) »

:: È tempo per la distruzione (Pubblicato il 18/01/2021 12:00:00 - visite: 142) »

:: L’inganno della superficie (Pubblicato il 11/01/2021 12:00:00 - visite: 126) »

:: Grade românica (Século XIII) (Pubblicato il 31/12/2020 12:00:00 - visite: 181) »

:: Oggi ti sono passato vicino (Pubblicato il 21/12/2020 12:00:00 - visite: 216) »

:: Radici (Pubblicato il 14/12/2020 12:00:00 - visite: 159) »

:: Poesie scritte camminando (Pubblicato il 07/12/2020 12:00:00 - visite: 656) »

:: sguardi sul mondo intorno e dentro (Pubblicato il 23/11/2020 12:00:00 - visite: 226) »

:: Vento blu (Pubblicato il 16/11/2020 12:00:00 - visite: 229) »

:: tre poesie (Pubblicato il 09/11/2020 12:00:00 - visite: 290) »