:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 138 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 16 17:17:38 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il Sabba


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/06/2021 12:00:00

 

Andavamo a passeggiare sulle rive del Reno.

 

II Reno il Reno è ubriaco dove le vigne si specchiano

tutto l’oro delle notti cade tremando a riflettersi

la voce canta sempre come un rantolo morente

quelle fate dai capelli verdi che incantano l’estate.

 

Si camminava accompagnati dalla musica.

Da ogni casa di Wiesbaden proveniva un’aria d’opera,

e sebbene la città fosse occupata dagli eserciti stranieri

vi aleggiavano ancora ricordi di festa

e vi regnava un’atmosfera gioiosa.

Ufficiali in pensione,

anziane signore molto distinte,

ragazze bionde, pallide e riservate,

si scambiavano calorosi saluti;

nei caffè si bevevano cioccolate ricoperte di panna montata.

 

Sembrava di essere nella capitale di un piccolo principato dei tempi prima di Bismarck, in una Germania leggendaria, ma ben poco wagneriana:

niente Sigfrido,

niente Valchirie,

niente tuoni,

niente fulmini,

una Germania di duchi, piccole corti e grandi genî.

 

Avevo sempre l’impressione

di vedere Goethe girare l’angolo della piazza.

 

 

[ La poesia qui proposta è un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta da Il Sabba, Maurice Sachs, Adelphi, traduzione di Tea Turolla e Leopoldo Carra, pagina 161 ]

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Il demone (Pubblicato il 20/09/2021 12:00:00 - visite: 19) »

:: La statua di sale (Pubblicato il 13/09/2021 12:00:00 - visite: 77) »

:: L’estate che sciolse ogni cosa (Pubblicato il 06/09/2021 12:00:00 - visite: 96) »

:: O Minotauro (Pubblicato il 26/07/2021 12:00:00 - visite: 177) »

:: La Prigioniera: studio grafico-poetico (Pubblicato il 19/07/2021 12:00:00 - visite: 193) »

:: Secondo natura VI e IX (Pubblicato il 12/07/2021 12:00:00 - visite: 165) »

:: La troga (Pubblicato il 05/07/2021 12:00:00 - visite: 144) »

:: La vita è altrove (Pubblicato il 21/06/2021 12:00:00 - visite: 202) »

:: Libro del Sole (Pubblicato il 14/06/2021 12:00:00 - visite: 134) »

:: Invisibile (Pubblicato il 07/06/2021 12:00:00 - visite: 143) »