Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1119 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Aug 7 05:34:02 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il poeta

Argomento: Poesia

Articolo di Pino Corbo 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/11/2012 17:12:37

Il poeta esprime la rabbia e l’orgoglio di essere poeta, nella consapevolezza di non confondersi tra le tante velleitarie “prime donne”, tra quelli che “fingono malamente / di essere vivi”, facendo del presenzialismo e dell’abuso carrieristico gli strumenti per ottenere il successo, la consacrazione, la fama.
Credo, invece, nell’invisibilità creativa dei poeti, quasi parlassero da un’altra dimensione, da un altro luogo, senza esibirsi, senza la spettacolarizzazione di sé e della propria parola (quella compiaciuta, “che squadri da ogni lato / l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco / lo dichiari”, secondo Montale), ma con la misurata e nobile coscienza di non essere e di non volere, per dare più credibilità e consistenza alla funzione di testimonianza e ricerca della verità della poesia, lontano dalla pletora e dal rumore, confidando che l’ispirazione sembri essere più benevola e generosa, procurando il desiderio di dire poeticamente il mondo, di mettere la vita in versi, per usare la felice definizione di Giovanni Giudici.
(2005)


(tratto da www.faronotizie.it)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Andrea Piccinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Andrea Piccinelli, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Politica ] La base della sinistra è fatta di.... , di Aldo Giannuli (Pubblicato il 04/02/2014 12:24:33 - visite: 798) »

:: [ Letteratura ] Il coraggio dello scrittore , di Julio Monteiro Martins (Pubblicato il 15/01/2013 17:26:01 - visite: 1105) »

:: [ Cultura ] Il potere e la parola. Intervista a Goffredo Fofi , di Goffredo Fofi (Pubblicato il 30/08/2012 14:29:31 - visite: 930) »