Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 54 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 24 01:58:38 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Note epistolari: Cerchi ascensionali

Argomento: Letteratura

Articolo di Roberto Pazzi, Alberto Gozzi, Angelica Camassa 

Proposta di Francesca Luzzio »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2020 11:55:33

Note epistolari

 

Francesca  Luzzio, Cerchi ascensionali, ed. Il Convivio

 

Roberto Pazzi

 Cara Francesca  Luzzio,

stamane ho letto due terzi del suo bel libro di poesia, Cerchi ascensionali.  Son rimasto colpito dalla dimensione confessionale sull’onda di quel lungo esame di coscienza che fu il capolavoro di Sant’Agostino, Le Confessioni. Si avverte  nei paesaggi della sua anima , catturati dal “paesello”, da Palermo, dalla natura aspra ed incantata della sua Sicilia, un’attitudine alla riflessione costante, appena interrotta dalla capacità d’immergersi nella Natura e nelle sue stagioni, con un abbraccio ai vivi e ai morti che stringe il nostro, come lo chiama lei, heideggarianamente esserci, in un flusso costante verso quel che non è dato conoscere e nominare …                        La sento sospesa tra fede religiosa e panismo pagano …, sarà forse per la ricchezza  della sua cultura che trasuda dai suoi versi.                                  ”Io sono qui e vivo \ essere vivente tra i viventi \ giorni sempre uguali \ senza nomi o emozioni \ che ne distinguano il senso \ e ne diano un perché. \ Solo il viso di un clochard \ mi ha fatto sentire \ la verità”.          Ho voluto trascrivere( un modo tutto particolare di rileggere) l’incipit della poesia che più mi ha catturato per un sentimento di condivisione …  Perdoni l’approssimazione di questi appunti mattinieri, lei meriterebbe un’analisi più approfondita, ma questo solo oggi posso dirle …                   Un grato e caro saluto da Roberto Pazzi.

 

Alberto Gozzi

Sono belli, questi “Cerchi”. Ci ho viaggiato dentro, trovandomi subito a mio agio e non capita sempre quando si visita la casa di un poeta; ce ne sono alcuni che, pur capaci, erigono delle costruzioni troppo magniloquenti, oppure di un’eleganza minimale che pretende di essere il massimo dello chic. Qui, tra queste stanze, si sente un parlare piano e nitido che non si traveste. La voce è una sola ( e come potrebbe essere altrimenti?), ma ricca d’intonazioni;  affronta il gioco delle parole, le allitterazioni,il metro e il verso libero, qualche volta la rima. Ci sono molte buone letture dietro questi versi; si fanno sentire ma con discrezione per non interferire, com’è giusto, con la voce che dipana il suo discorso. Complimenti davvero.

 

Angelica  Camassa

 

Cara Francesca ,

 non è il mio, e non  vuole essere, un commento estetico -letterario dei tuoi versi, semmai un desiderio di condividere le emozioni, le riflessioni  i sentimenti che essi mi vanno suscitando in un percorso vitale che sento molto vicino al tuo. Sì, perché è vero anche per me quel che tu dici all’inizio” Cerchi irradiantesi configurano l’Eterno”.  E sin dal primo cerchio, infatti io sento il rapporto continuo tra il nostro esserci qui “essere vivente  tra i viventi” ( Qui ,pag.22, ), oppure in “estasi panica”nella metamorfosi che ti trasforma in “animale, erba,albero e fiore”,( Estasi, pag.27), ma sempre nell’attesa del dopo e dell’oltre e cioè del compimento di quell’umanità in cui “il tutto e il niente \ sono coincidenti \ se manca l’afflato estatico \ di eternità”. (Apatica felicità,pag.28).  E ancora, di seguito, attraversare la sofferenza  non significa, forse, anche condividerla con gli altri, così come tu dici “la mia terra è piena di crepe,\ sofferente come tanta gente \ che nulla ha”? ( Senza risposta, pag.39).                                                                                          Il passaggio del secondo cerchio si apre agli affetti familiari, anche questi rivissuti sia attraverso ricordi corporei, così come  il cappotto di tua madre, i l suo odore che segna la sua presenza vicina, oppure sfuggente, sia attraverso lo slancio di ogni affetto verso una dimensione di eternità, anzi l’eternità è già presente perché “anche qui tra le pareti di casa \ c’è tanto cielo che alimenta rosati pensieri” (Cioccolata,pag.64).                                                      E poi , più avanti, nel terzo cerchio, poni una domanda a Mario Luzi :”La poesia è nel mondo?...”Dimmi , è proprio questa \ la Poesia che Dio pose \ nelle cose?”(La poesia è nel mondo?,pag.77). Nonostante tutto quello che accade? Nonostante il dolore, la cecità di fronte all’immensa folla di migranti tra le onde del “Mare innocente” e “Sulla spiaggia” dove”Cadono nella sabbia le monete \ raccolte nel cappello \ dopo un giorno \ di elemosinare” ? ( Sulla spiaggia,pag.96). Si allarga il bisogno di accogliere, anche in poesia, le diverse forme di sofferenza umana, come un canto corale che infine conduce “Verso te,  Signore”, dove si compie il nostro “Nascere e morire” perché “… bisogna viverla \ questa vita \ accompagnarla con note \ che creano armonia \ ma talvolta anche \ involontari  stridori \ dolorosi a sentire”. (Nascere e morire,pag.118). E’ poesia la tua, di limpida ed autentica densità affettiva, oltre che di calda e ricca umanità, nello sfondo d’incessanti vibrazioni spirituali che attraversano liricamente ogni narrazione del quotidiano.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesca Luzzio, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesca Luzzio, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Note epistolari: Cerchi ascensionali , di Roberto Pazzi, Alberto Gozzi, Angelica Camassa (Pubblicato il 14/07/2020 11:52:10 - visite: 28) »