:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 232 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 8 00:55:41 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Lettera di Gabriella Sica a Stefano Bottero

Argomento: Poesia

Articolo di Gabriella Sica 

Proposta di sb.due »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/12/2020 18:27:23

Caro Stefano,

evviva evviva per il tuo primo libretto dal bel titolo, Poesie di ieri, da festeggiare. Purtroppo non c’è qui un Pasolini a festeggiarti come lui fece con Dario Bellezza al suo primo libro, scrivendo che era “il miglior poeta della nuova generazione”. Scrivo questo perché è evidente che Dario è un tuo illustre “padre”. Comunque il titolo subito sottolinea il legame che un poeta che esordisce alla fine quasi del secondo decennio del nuovo secolo ha contratto con la grande poesia novecentesca. Poesie di ieri, parte subito con grinta per incastrare frammenti incandescenti e netti che accosta con energia dirompente, mozziconi di disperazione sull’orlo di precipizi e naufragi, quasi a formare un mosaico di preziosi intarsi su fondo nero. È chiaro che appena si leggono le prime poesie subito si entra in un clima da poesia maledetta e istrionica che mette le mani avanti sulle sue ragioni: scrivere non dell’oggi, ma di ieri, di quello che appena vissuto e conosciuto appartiene già al passato, perché la poesia è una questione che riguarda sempre quanto c’è stato “ieri”.


Auguri di bella e buona poesia, Gabriella.

30 Gennaio 2020


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore sb.due, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.