:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 235 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 17 23:48:38 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Scream - Urlo

di Thiên Trang (VIETNAM) 

Proposta di Franca Colozzo »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/05/2023 01:08:33

 

TRANG PHAN BIO    

An Art writer, poet, and artist.
A storyteller, a dreamer who believes in the positive.
“ Light does not just come from the Sun, it lives in your heart, your soul, your mind. It only dies once dreams or miracles are abandoned.”
Born in Hanoi, Vietnam in 1989, Trang Phan has been impregnated with a rich traditional cultural flow integrating harmoniously with the modernized ones, mostly influenced by the French, Japanese, and Americans. Being a curious culture vulture, she soon became interested in reading, writing, and drawing; and has created her own freestyle works since early childhood, including poems, short stories, drawings, paintings, and comics.
Trang Phan holds an MA degree in History of Art and Design from Birmingham City University, Birmingham, UK, and a BA from Hanoi College of Industrial Fine Art in Graphic Design. She spent two years in the field of graphic design and illustration before studying abroad and recently has worked as a freelance illustrator in collaboration with Innovatio Publishing House, Switzerland. Being an active and enthusiastic person who is into exploring various aspects of arts, she also took part in several film projects in Birmingham, UK from 2016 to 2017 – one of which won the Best Prize for Graduated Student Film at the University of Birmingham, in 2017. After graduating from the UK, she came back to Vietnam and worked as an Art & English online tutor & teacher, gallery & artist assistant, interpreter & translator until 2021. The year 2022 marked a significant point of change when she discovered her gift of the poem, and until now, she has worked ceaselessly and passionately as a poet and art writer in collaboration with various artist groups in Hanoi, Vietnam.
Differing from the pure fictional world of her early childhood works, her current poetical creations combine the fantasy of myths, legends, fairytales… and realistic elements of modern society in an epic, religious-inspired theme. Folksongs and historical tales also add a sense of uniqueness and nostalgic subtlety to her works. Along with art writing and occasional poetical performance, she is gaining considerable recognition from artists, art lovers, and critics in her country as a promising new talent.
Most of her works are written in Vietnamese and published online at her Facebook personal page, and writing page Thiên Trang’s Writing.

 

Thiên Trang - VIETNAM

10-1-2023

  

***

Thiên Trang,

10-1-2023

 

What will you say
When your hearts
Lying on gun barrels?
SCREAM
There were screams
Beginning the violent era of war
There were calls
Closing the abyss of indignation
There were days
Two hundred years
Backward
From the present era
Where were the angels
At the very moment the young naive souls
Direct their seething longing eyes
And voices amplified by countless layers of sky
Ringing
In the heavenly blue space they loved
Soaring
Wishing to scratch and pinch
Tearing
The brutal deceitful atmospheric membrane
To see
The True
Sky
And the Supreme
Light ?


1871
The Paris Commune
1893
The Scream
1914

The bullet path pierce the neck of Archduke Franz Ferdinand
Gently gliding across the bridge
Where I screamed
Two dark towering shadows
Like pinned stones
A long-term curse remained unsolved


World War
One
The thudding tanks
Heaving gun barrels
Combat trenches
Fortification
Being on the watch
Resounding high and low


Monsters from deep caves
Ferociously growling and disputing
Sticking their tongues to lick and finish
The flesh of the overcropped Mother Earth


Children with soft hair shining brown
Red or yellow
On the port
Their heads only slightly taller than the wheat plants
Their nails firmly accumulated black lees
Of unwashed coal powder
They wiped their tears
After, by the roadside
Burying their peers
Who, after a quick nap
Falling into the forever sleep
Hastily
Cemeteries
Only for golden rich families

Only for golden rich families


The youngsters of that past year
Seethingly screaming
In Edvard Munch’s painting
Standing toweringly
At the coordinate’s peripheral axis
Never expected that they were just pawns
In the chess match between Light and Darkness
Waves of bad fortune
Skewed the chessboard
Towards the temporarily advantaged shadow
They believed each raising fists
Would reach the wishful sky
But along with each scream
The pink slowly left
Like stars being dropped
Little by little
By night


The second coming wave
No previous warning
The Second World War
Shockingly wobbling
The continents
Redistributed
Redisputed
The God-given
The Mother Earth-given
Piece of cake
The beasts bited and tore each other
In devouring great hunger
The concentration camps
The cold robots
Swinging rods. Canes. Guns

Driving the crowd
Like gradually falling crumbs of mortar
BOOM
The smoke column of Atomic bomb
Rising to the sky
The Algorithm of Devil
Reversed nuclear processes
Groups of cell
Returned to fine dusts
Tiny
Deep nights void of whimpering cry
Cities
Only sound of wind
Whistling by cold barbed wire fences
Humming sound of working machine
Rumbled


War
War
Civilizations tinted with blood color of war
The most glorious and heroic pages of history
Soaking up blood of warriors
Dying in battles
All over walls of citadels
Vietnam War
Cold War
11-9
Middle Eastern oil
And what is more
Edvard Munch in awesome scream
Rhythm of footsteps knocked clatteringly on the bridge
Sound of approaching Death
Deeply puffed breath
Sucking into holes
Heads

Including red, yellow and brown waves
Not even an inch taller than the wheat plants
Justice
Where was it
For unarmed kids
Angels
Where were you
Please save all spirits
Tiny as fine dust
God
Please save
Radioactive contaminated
Souls and lands
Reverse
Replace
Ruthless division
Astrabilious crushed crumpled world


Then God came
Stretching hands in judgement of colorful humanity
Covid
The scratches revealing the bestial face
The seemingly long-lasting worlds
In the flickering light before the dawn
Intensely shrill cry
Of two great eagles
Starting a sudden war
They whimpered
Prolonging the wailing War calls
While plucking each other
The last feathers


Exhausted souls
Sitting down after the era of Edvard Munch
They looked up in the direction of dimly flickering light

From where the Highest Realm
Initiated contrary vision
A recall to antiquity
Proud traditions


The New Scream
The future non space-time century
When the humanity
Drops
Feud and indignation
Into
Nothingness

 

ISS – God
0-1-1-0
Interplanetary space station
Propulsive spaceship
Super suction
Collect the fine dusts
Data fragments
Of
Civilizations


Wounded souls, warriors
Finding their way to the House of Light
In the New Era of Utopia
Glittering gold


The ground will gradually collect the violence
Radioactivity and luminescence
Indignant deep holes
Falling down to the
Core
On the bridge

Edvard Munch softly smiled
The clattering knock
Fading into distance
Echoing
Echoing
The barbed wire fences will bloom with myriad yellow roses
The old bomb craters will be just myths
The voice of God calling the Ilich sky birds
Shadowing ancient roots for all species
To sing and to trill freely


The New Scream
The Gate
Closes
The mourning scene
The Rainbow
Opens
New
Sky and Earth
The Golden
Era
Of
Utopia


***
Thiên Trang,
10-1-2023

 

   ***

 

Cosa direste

Quando i vostri cuori

Giaceranno sulle canne dei fucili?

 

URLO

 

Ci furono urla

Che davano inizio all'era violenta della guerra

Ci sono state chiamate

Per chiudere l'abisso dell'indignazione

 

Ci furono giorni

Duecento anni

All'indietro

Dall'era attuale

Dove erano gli angeli

Nel momento in cui le giovani anime ingenue

Dirigono i loro occhi pieni di desiderio

E le voci amplificate da innumerevoli strati di cielo

Risuonano

Nello spazio blu celeste che amavano

Si alzano in volo

Desiderosi di graffiare e pizzicare

Strappare

La brutale e ingannevole membrana atmosferica

 

 

Per vedere

Il vero

Cielo

E la Suprema

Luce?

 

1871

La Comune di Parigi

1893

L'urlo

1914

La traiettoria del proiettile che trafigge il collo dell'arciduca Francesco Ferdinando

Scivolando dolcemente sul ponte

Dove hanno urlato

Due scure ombre torreggianti

Come pietre inchiodate

Una lunga maledizione rimasta irrisolta

 

La guerra mondiale

Una

Il tonfo dei carri armati

Le canne dei cannoni che oscillano

Le trincee da combattimento

Le fortificazioni

Essere di guardia

Risuonare in alto e in basso

 

Mostri dalle caverne profonde

Ringhiando ferocemente e disputando

Che infilano le loro lingue per leccare e finire

La carne della Madre Terra sovraffollata

 

Bambini dai capelli morbidi che brillano di marrone

Rosso o giallo

Sul porto

Le loro teste solo leggermente più alte delle piante di grano

Le loro unghie hanno accumulato saldamente fecce nere

Di polvere di carbone non lavata

Si asciugavano le lacrime

Dopo, sul ciglio della strada

Per seppellire i loro coetanei

Che, dopo un rapido sonnellino

Cadono  nel sonno eterno

Frettolosamente

Cimiteri

Solo per famiglie ricche e dorate

Solo per famiglie ricche e dorate

 

I giovani di quell'anno passato

Urlano con foga

Nel quadro di Edvard Munch

In piedi, torreggianti

Sull'asse periferico della coordinata

Non si aspettavano di essere solo pedine

Nella partita a scacchi tra Luce e Tenebre

Onde malefiche

Hanno inclinato la scacchiera

Verso l'ombra temporaneamente avvantaggiata

Credevano che alzando i pugni

Avrebbe raggiunto il cielo dei desideri

Ma, insieme a ogni urlo,

Il rosa se ne andò lentamente

Come stelle che vengono lasciate cadere

Poco a poco

Di notte

 

La seconda ondata in arrivo

Senza preavviso

La seconda guerra mondiale

Traballando in modo scioccante

I continenti

Ridistribuiti

Ridistribuiti

Il dono di Dio

Il dono della Madre Terra

Un pezzo di torta

Le bestie si mordevano e si sbranavano a vicenda

Nella divorante grande fame

I campi di concentramento

I freddi robot

Le aste oscillanti. Canne. Pistole

Guidando la folla

Come briciole di malta che cadono gradualmente

BOOM

La colonna di fumo della bomba atomica

Che sale verso il cielo

L'algoritmo del diavolo

Processi nucleari invertiti

Gruppi di cellule

Ritornati a polveri sottili

Minuscole

Notti profonde vuote di grida lamentose

Città

Solo il suono del vento

Fischiato dalle fredde recinzioni di filo spinato

Il ronzio di una macchina che lavora

RUMOROSO

 

Guerra

La guerra

Civiltà tinte dal colore del sangue della guerra

Le pagine più gloriose ed eroiche della storia

Che assorbono il sangue dei guerrieri

Che muoiono nelle battaglie

Sui muri delle cittadelle

Guerra del Vietnam

Guerra fredda

11-9

Il petrolio del Medio Oriente

E cosa c'è di più

Edvard Munch in un urlo impressionante

Ritmo dei passi che battono sferraglianti sul ponte

Suono della Morte che si avvicina

Respiro profondo

Risucchiando in buchi

Teste

Tra cui onde rosse, gialle e marroni

Nemmeno un centimetro più alte delle piante di grano

La giustizia

Dov'era

Per i bambini disarmati

Angeli

Dove eravate?

Salvate tutti gli spiriti

Piccoli come polveri sottili

Dio

Per favore salva

Anime e terre

Contaminate da radioattività

Invertire

Sostituire

Divisione spietata

Mondo estraibile, schiacciato e accartocciato

 

 

Poi venne Dio

Tendendo le mani per giudicare l'umanità variopinta

Covid  

I graffi che rivelano il volto bestiale

I mondi apparentemente duraturi

Nella luce tremolante prima dell'alba

Grido intensamente stridente

Di due grandi aquile

Che iniziano una guerra improvvisa

Piagnucolano

Prolungando i lamenti di guerra

Mentre si strappavano a vicenda

Le ultime piume

 

Anime esauste

Sedute dopo l'epoca di Edvard Munch

Hanno alzato lo sguardo verso la direzione della luce fiocamente tremolante

Da dove il Regno più alto

Ha avviato una visione contraria

Un richiamo all'antichità

Tradizioni orgogliose

 

Il nuovo urlo

Il futuro secolo non spazio-temporale

Quando l'umanità

Cade

Faide e indignazione

Nel

Nulla

 

ISS - Dio

0-1-1-0

Stazione spaziale interplanetaria

Astronave propulsiva

Super aspirazione

Raccogliere le polveri sottili

Frammenti di dati

Di

Civiltà

 

Anime ferite, guerrieri

Che trovano la loro strada verso la Casa della Luce

Nella Nuova Era di Utopia

Oro scintillante

 

La terra raccoglierà gradualmente la violenza

Radioattività e luminescenza

Buchi profondi e indignati

Cadendo verso il

Nucleo

Sul ponte

Edvard Munch sorride dolcemente

Lo sferragliare dei colpi

Svanisce in lontananza

Echeggiando

Echeggiando

 

Le recinzioni di filo spinato fioriranno con una miriade di rose gialle

I vecchi crateri delle bombe saranno solo dei miti

La voce di Dio che chiama gli uccelli del cielo Ilich

Ombreggiando antiche radici per tutte le specie

Per cantare e trillare liberamente

 

Il nuovo urlo

Il cancello

Si chiude

La scena del lutto

L'arcobaleno

Si apre

Nuovo

Cielo e Terra

L'era d'oro

D'oro

Di

Utopia

 

Translated by Franca Colozzo

 

***

Thiên Trang,

10-1-2023