:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1136 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 21 01:33:20 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Stoner

Romanzo

John Williams
Fazi Editore

Recensione di Sara Pompili
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/07/2014 12:00:00

 

Leggendo la trama senza ombra di dubbio lo si ritiene un libro noioso,  al contrario la grandezza di questo romanzo si trova proprio nella sua semplicità.  Williams è riuscito a creare un capolavoro basandosi esclusivamente sulla vita ordinaria e priva di colpi di scena di un ragazzo, e poi, di uomo del Missouri , figlio di poveri contadini. Di fatto in “Stoner” non accade nulla: nel 1910 Stoner lascia la sua famiglia per frequentare l'Università con l'intento di studiare agraria per poi poter tornare a casa e dare una mano alla sua famiglia con il lavoro nei campi.

 Il percorso di studi, però, prevede anche un esame di letteratura inglese. E durante una lezione Stoner rimane completamente abbagliato dalla letteratura tanto da cambiare indirizzo di studi.

Questa passione porta Stoner a diventare un professore associato all'università dove insegnerà fino alla sua morte. Incontrerà una donna visibilmente fragile e instabile, e di fatti il matrimonio finirà male; avrà una figlia che non saprà proteggere dalla madre e alla quale non saprà esternare tutto l'amore che prova per lei; entrerà in conflitto con un collega che lo perseguiterà per venticinque anni;  vivrà una tenera storia d'amore con un'altra donna, alla quale però dovrà rinunciare.

Cosa affascina e cosa cattura allora in una storia così semplice e ordinaria?

Il fatto che ognuno può rispecchiarsi in Stoner perché il romanzo parla della ricerca della felicità, del desiderio di voler vivere compiendo le cose che si amano fare, mettendo tutto se stessi.

E proprio questo lo rende,  seppur scritto nel 1969, un romanzo attuale e senza tempo, quasi un classico.

Non si può non affezionarsi a Stoner, non si può non soffrire e parteggiare per lui,  e tutto questo è reso possibile dal modo in cui Williams dipinge questo personaggio attraverso una prosa semplice e lineare, ma incisiva, che cattura subito il lettore impedendogli  di abbandonare il testo. 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »