:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1558 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 7 11:50:59 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Studi sull’isteria d’Impero Romano - XII

Argomento: Storia

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/07/2009 20:43:09

Studi sull'isteria d'Impero: Hey Gale
del Dr. Giuseppe Paolo Mazzarello

'CAESAR
I could be well moved, if I were as you;
If I could pray to move, prayers would move me'
Shakespeare, 'Julius Caesar', III, 1, 58-59

'CESARE
Se fossi come voi, mi sarei dato da fare;
Se avessi l'abitudine di rompere le scatole, i rompiscatole riuscirebbero a farmi muovere'

Prima di diventare refrattario a nuoversi per le sollecitazioni ordinarie, Cesare aveva fatto molta strada. Tutti sappiamo quanto è difficile sopportare i colpi inferti alla nostra integrità, non tanto per farla rimanere ben salda, quanto perchè il prezzo per ottenerlo non sia troppo elevato.
Roma antica repubblicana aveva un pezzo dell'attuale Turchia, si chiamava provincia d'Asia, dove governava con il suo bravo proconsole, poi c'erano commercianti oltre che soldati Romani, si costruivano ponti. C'erano il lavoro, la cultura e la civilà. D'ogni tanto il Mitridate di turno invadeva territori vicini, determinava l'esigenza di contenerlo non solo nei Romani ma anche nei locali. Come vediamo i problemi non erano pochi. Tutti capivano che ad Oriente c'erano terre sterminate, dove neppure si sapeva cosa facessero le persone, però si capiva che erano terre importanti. Ora gli Americani, diciamo gli Americani perchè cosa pensino gli Europei non è così importante, hanno paura di cosa accade in quelle centrali e montuose regioni dell'Asia centrale. Lì non hanno insediamenti che ne mostrino l'identità, anche perchè è un'identità un po' incerta nascosta dietro le banche e le multinazionali.Alle popolazioni Asiatiche, non dico a qualche oligarchia, di banche e multinazionali non importa nulla. Così fanno la guerra una manciata di soldati professionali da entrambe le parti e la storia non si muove.
Galla Placidia senza un uomo non poteva stare. Se gli uomini latitavano, lei ci metteva tutto l'impegno a spiare e tramare. Il convulso clima di inizio V° secolo AD era pregno d'intrighi che, quando sono maschili, sono patetici. Quando ci sono di mezzo le donne, diventano letteratura. La storia diventa letteratura quando la fanno le donne e Galla Placidia fece entrambe. Per chi aveva brama di conquiste, le possibilità erano scarse. Chi poteva conquistare non aveva cultura e chi aveva cultura non aveva forza. Sarebbe ridicolo ascoltare la moglie di Caio Gracco consigliare il marito su come fare la Legge Agraria. La bellissima Galla, moglie di Teodosio, poteva intervenire eccome se il trono del marito, impegnato a curare i fallimenti, era insediato dall'usurpatore Eugenio. La bellissima Galla diede alla luce Galla Placidia e la figlia apprese dalla madre. Poiché il Mommsen col suo corso universitario a dispense ci ha lasciato, non si sa se più intristito o irritato per dover parlare di Costantinopoli o di Goti, ci rifacciamo alla nostra Enciclopedia Motta. Da essa apprendiamo che Galla Placidia si trovava a Roma quando vi passò Alarico. Galla non passò inosservata al Goto che se la portò via per darla in moglie al cognato Ataulfo. Doveva almeno essere carina, oltre che imparentata con una mezza dozzina d'imperatori. Alcuni storici osservano che fosse ambiziosa, e cosa doveva fare: nascondersi? Rimase vedova ma anche regina dei Goti, che lo era diventata, e girava con un piccolo esercito personale. Andò a Ravenna per sposarsi in seconde nozze con un uomo non troppo bello, che diventò imperatore col nome di Costanzo III°. Quando morì Costanzo, essa lottò per insediare sul trono il figlio Valentiniano III° che aveva 6 anni. E cosa doveva fare, lasciarlo regnare da solo? Era rimasta di nuovo vedova, doveva essere poco più che una ragazza. Aveva già avuto due mariti ed ora un figlio imperatore Romano ed aveva un'età nella quale oggi al massimo si avviano timorosissime convivenze da coppie di fatto. Erano i fatti che, a questa donna, premevano. Quando sua madre morì, a Roma e dove se no, Valentiniano aveva 21 anni. Continuò ad operare sotto tutela, questa volta del generale Ezio, che aveva anche sconfitto gli Unni. Tuttavia la madre scomparsa era più capace di tutti loro. L'Enciclopedia afferma che sia l'operato di Galla che quello del figlio accelerarono la caduta dell'Impero ma la nostra impressione è che esso fosse già avviato su quella strada. Valentiniano era avviato sulla strada della violenza carnale e pare che ne abbia fatto le spese la moglie di tale Petronio Massimo. Il marito offeso, dato che l'imperatore aveva soppresso Ezio perchè seccato dalla velleità di quello d'imparentarsi con lui, istigò due commilitoni del defunto a procedere. In AD 455, l'imperatore cadde in un agguato sulla via Prenestina, un'altra di quelle strade che non avrebbe dovuto prendere. A Galla Placidia, fecero un bellissimo monumento a Ravenna.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Vari ] Del modo di trattare i popoli degli Stati Uniti (Pubblicato il 01/12/2013 19:51:59 - visite: 1474) »

:: [ Storia ] I Montecuccoli (Pubblicato il 16/09/2011 12:47:22 - visite: 1776) »

:: [ Storia ] Wallenstein (Pubblicato il 05/06/2011 01:49:15 - visite: 1381) »

:: [ Storia ] Gone with the Sea (Pubblicato il 07/05/2011 17:29:31 - visite: 1418) »

:: [ Storia ] Tell them Ambiorix is Here (Pubblicato il 02/05/2011 21:23:57 - visite: 1357) »

:: [ Storia ] Big Trouble In Little Italy (Pubblicato il 29/04/2011 20:14:47 - visite: 1322) »

:: [ Storia ] Sir Oliver Cromwell, breve biografia (Pubblicato il 19/12/2010 23:48:01 - visite: 1935) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e l’approdo alle ’Grazie’ di Genova (Pubblicato il 01/06/2010 00:57:59 - visite: 1738) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e un Santuario Genovese (Pubblicato il 13/05/2010 14:46:21 - visite: 1590) »

:: [ Storia ] L’uomo Cesare e l’indole valorosa (Pubblicato il 13/07/2009 22:01:29 - visite: 2060) »