:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 104 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 28 17:52:04 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Che cosa significa essere umano

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/06/2022 16:07:53

 

 

Guido Brunetti

Che cosa significa essere “umano”

 

 

Che cosa significa essere “umano” ? Il termine umano o umani ha molti significati. E’ come un grande albero- ha scritto Edoardo Boncinelli nel suo nuovo libro “”Umano” (il Mulino, 2022)- che ha “una molteplicità di radici e di ramificazioni e che non può essere facilmente sradicato né spogliato”. Umano è proprio dell’uomo, è l’essere umano, l’uomo. E’ ciò che deriva dall’uomo. Dal latino “umanum”, proviene da “homo”, uomo, umano. Il tema sulla natura e l’essenza umana è stato avvertito fin dai primi filosofi, a cominciare da Protagora, il quale definisce l’uomo “la misura di tutte le cose”. All’origine, c’è la definizione dell’uomo in rapporto a Dio. La Bibbia scrive: “E Dio disse: facciamo l’uomo a immagine e somiglianza nostra”. Anche Aristotele parla di un “elemento divino” nell’uomo. Sull’uomo come immagine di Dio insistono Calvino e altri pensatori. Spinoza sostiene che “l’essenza dell’uomo è costituita da certe modificazioni degli attributi di Dio”. Da parte sua, Hegel afferma che l’uomo è “essenzialmente Spirito e lo Spirito è Dio. Il cristianesimo, per questo filosofo, è definito come “la posizione dell’unità dell’uomo e di Dio”. Essere uomo, secondo Sartre, è “tendere a Dio; o se si preferisce, l’uomo è fondamentalmente desiderio di essere Dio”. Sono poi numerose le definizioni che esprimono qualità proprie dell’uomo. La più famosa è quella secondo la quale l’uomo è “un animale ragionevole”. Questo concetto esprime la visione del pensiero greco e l’essenza del pensiero di Platone (l’uomo come animale capace dei scienza) e Aristotele ( l’uomo è l’unico animale che abbia la ragione). Socrate e Platone delineano un tipo di uomo volto soprattutto alla conoscenza di sé e a potenziare la natura dell’anima per renderla la “migliore possibile”. Si tratta di una concezione accettata dagli Stoici e dal pensiero medioevale. L’ idea di uomo come ragione è sottolineato anche da altri filosofi. L’uomo- dichiara Pascal- “non è che un giunco, il più debole della natura, ma è un giunco pensante”. Anche Cartesio riduce l’umano al pensiero, a coscienza immediata, spirito, intelletto, ragione. Già Plotino aveva scritto che il posto dell’uomo è “nel mezzo tra gli dei e le bestie ed egli inclina talvolta verso gli uni, talvolta verso le altre; certi uomini sono simili agli dei, altri alle bestie e i più tengono il mezzo”. L’umano è anche capacità di perfezionarsi. L’uomo- dice Kant- ha quel carattere che egli stesso si fa in quanto sa “perfezionarsi” secondo i fini da se stesso derivati, onde come animale fornito della capacità di ragionare “può farsi da sé animale ragionevole”. Questo concetto viene ereditato dalla filosofia contemporanea, soprattutto dall’esistenzialismo americano, quando sottolinea che l’uomo è ciò che egli stesso può o vuole farsi; che continuamente egli progetta il suo modo di essere o di vivere effettivo. L’uomo come possibilità di “progetto” è ammesso anche da Heidegger, Sartre, Dewey e altri autori. Qual è infine la qualità principale dell’essere umano? Un grande umanista, Pico della Mirandola, indicava nella “dignità” la qualità “centrale” dell’uomo, quella su cui puntare per guardare alla nostra esistenza come processo di maturazione. Conclusione. Possiamo definire che cosa sia “umano” un essere vivente dotato di natura e di spirito, di corpo e anima, ragione e sentimento, coscienza e linguaggio. La potenza della nostra mente e le capacità del nostro cervello rappresentano i “tratti essenziali” (Boncinelli) della nostra natura di esseri umani, qualità che ci pongono in posizione unica fra i viventi. La conclusione è che tentare di rispondere all’interrogativo “Cosa vuol dire essere umani”? non si può pervenire a decisioni definitive, poiché “l’umano” è sempre in divenire, e quindi indefinibile.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Scienza ] Neuroscienze. Cervello, mente e coscienza (Pubblicato il 18/09/2022 15:28:30 - visite: 117) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Tecniche di brain imaging e coscienza (Pubblicato il 10/07/2022 16:00:44 - visite: 99) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Frammenti di neuroscienze (Pubblicato il 02/07/2022 16:04:30 - visite: 142) »

:: [ Scienza ] Attaccamento (Pubblicato il 25/06/2022 16:52:40 - visite: 72) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Le ferite dell’anima (Pubblicato il 14/06/2022 09:12:09 - visite: 147) »

:: [ Scienza ] Dalla mente umana alla mente animale alla mente delle piante (Pubblicato il 13/06/2022 18:46:11 - visite: 77) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Neuroscienze. Elementi fondamentali (Pubblicato il 08/05/2022 15:25:53 - visite: 126) »

:: [ Filosofia/Scienza ] La coscienza (Pubblicato il 02/05/2022 16:58:07 - visite: 113) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Cervello-mente. Aspetti filosofici e scientifici (Pubblicato il 23/04/2022 16:51:12 - visite: 139) »

:: [ Filosofia ] Alla ricerca del gioiello dentro me (Pubblicato il 12/04/2022 17:46:29 - visite: 192) »