:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Il giardino di Sophia (Roma, 05/12/2022)
🖋 Benedetta Berio intervista a Il ramo e la foglia edizioni
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 192 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 5 22:24:32 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Frammenti di neuroscienze

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/07/2022 16:04:30

Guido Brunetti

Frammenti di neuroscienze

 

Negli ultimi anni, si è notevolmente accresciuto l’interesse per le neuroscienze. Oggi nel mondo ci sono decine di migliaia di studiosi del cervello. Nei secoli, sulla natura del cervello e della mente si sono succedute ricerche ingegnose, ipotesi fantasiose, ricerche strampalate, ingegnose o macabre indagini anatomiche o teorie che nel tempo hanno mostrato la loro inconsistenza e fragilità scientifica.

 

Il cervello è stato paragonato di volta in volta a un orologio, una centralina telefonica, un computer, a una macchina o a un dispositivo idraulico. Sono state spese ingenti somme nello sviluppo di farmaci per il trattamento della malattia mentale, ma “non è chiaro- precisa Matthew Cobb nel suo libro “Mente e cervello” (Einaudi)- come, e nemmeno se, molti di questi trattamenti, così ampiamente prescritti, funzionano”.

 

La comprensione del cervello con i suoi cento miliardi di neuroni appare finora la struttura più straordinaria e meravigliosa dell’universo conosciuto. Sembra un sogno “irrealizzabile”, ma la scienza è l’unico percorso in grado di raggiungere questo traguardo. Alcuni scienziati sostengono che non saremo mai in grado di conoscere la natura del cervello e la sua incredibile e misteriosa capacità di generare la mente. Fatto, in realtà, mai provato. Altri autori invece dicono che forse un giorno l’uomo riuscirà a risolvere questo mistero, e comprendere cosa il cervello è, cosa fa e come lo fa. Sono i limiti della ricerca scientifica sottolineati anche da Du Bois-Reymond, quando afferma: “Ignoramus et ignorabimus”, non sappiamo e non sapremo.

 

Attualmente, le neuroscienze mostrano che la mente è un “prodotto” del cervello, ossia dall’attività dei neuroni. Nel passato, gli scienziati hanno considerato il cuore e non il cervello l’organo fondamentale del pensiero e dei sentimenti. Negli scritti di oltre quattromila anni fa, nella Bibbia e in altre opere la mente- l’anima- era basata sul cuore. Anche Aristotele concepisce il cervello come sede del pensiero e delle emozioni. E’ grazie a Galeno (129 d.C.), uno dei pensatori più influenti della civiltà occidentale, che ci provengono dati ricavati dalla ricerca sugli animali circa il ruolo fondamentale del cervello nel comportamento e nel pensiero.

 

Uno degli autori più influenti che diede rilievo al ruolo centrale svolto dal cervello e dalla mente fu Cartesio. Gli esseri umani si distinguono dagli animali, secondo Cartesio, “soprattutto per il possesso di un’anima e per l’uso del linguaggio”. Nell’uomo- aggiunge- interagiscono le due parti fondamentali del suo essere: la res cogitans e la res extensa. Sino al XVIII secolo, il ruolo centrale del cervello sembra condiviso da tutti gli studiosi. La mente è considerata “proprietà” del sistema nervoso. A sua volta, Darwin evidenzia una “stretta relazione” tra pensiero e cervello. Ma è il cervello a generare il pensiero. Che viene visto come “secrezione” del cervello, come la bile per il fegato.

 

Mente, cervello  e corpo, per i neuroscienziati, sono "una cosa sola".

 

In verità, il cervello è fatto come ogni altra parte del corpo di cellule, che lo studioso tedesco Waldeyer chiamò neuroni. Questi sono entità separate. Il cervello ha una natura “plastica” (Santiago y Cajal). E’ come un giardino pieno di un numero infinito di alberi, che possono “generare” molti rami, fiori e frutti “sempre più vari e squisiti”. Dalla rete di cellule vengono generate, secondo R. y Cajal, la mente e la coscienza.

 

I neuroni si incontrano, c’è un sistema di comunicazione. La comunicazione di un neurone con un altro si chiama “sinapsi”, termine introdotto da Sherrington che deriva dal greco e sta per “abbraccio”. Il cervello è definito da questo neuroscienziato un “telaio incantato”, dove milioni di “sfavillanti navette” tessono un disegno sempre nuovo, un’armonia di variazioni. La vera natura della mente- conclude- è “un mistero”. Non si vede, non si tocca, si aggira nello spazio del nostro mondo.

 

Secondo il neuroscienziato Paul MacLean, abbiamo tre cervelli. Uno di questi è il cervello “rettiliano”, la parte più antica del cervello, il responsabile dei nostri comportamenti più primitivi. Il secondo è il cervello mammaliano ereditato dai mammiferi inferiori; mentre il terzo è un tardo sviluppo evolutivo che ha reso l’uomo peculiarmente uomo.

 

Uno dei problemi più grandi e difficili per i neuroscienziati è come il cervello genera la mente e la coscienza. La questione è stata per secoli appannaggio dei filosofi. A partire dalla fine del Novecento, gli scienziati hanno cominciato ad affrontare il tema, riguardante la natura della coscienza. Purtroppo, nonostante centinaia di libri e migliaia di articoli, non vi è “accordo” sul come il cervello produce la coscienza.

 

La coscienza, per lo scienziato britannico Stuart Sutherland, è “un fenomeno affascinante, ma elusivo; è impossibile specificare che cos’è, che cosa fa, o perché si è evoluta. Nulla che valga la pena di leggere è stato scritto a riguardo”.

 

All’orizzonte, non vi è il barlume di una risposta, malgrado le immense innovazioni tecnologiche espresse dai metodi di brain imaging. Gli scienziati faticano persino a concepire una definizione precisa di “che cosa è un cervello”. Non sappiamo che cosa fanno i neuroni e nessuno sa ancora spiegare perché l’attività dei neuroni genera la coscienza, come sostengono i neuroscienziati. Tantissime idee, c’è un’ondata gigantesca di dati, ma molte teorie sono vaghe e inutili. Fascino e mistero del cervello e della mente: è il titolo che ho dato al mio nuovo libro.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Il cucciolo Kimi: l’ombra più dolce (Pubblicato il 05/12/2022 18:21:45 - visite: 20) »

:: [ Letteratura ] Kimi, un amore di cucciolo. Ciao (Pubblicato il 05/12/2022 18:18:46 - visite: 12) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il telaio magico (Pubblicato il 23/11/2022 12:07:06 - visite: 71) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il rapporto anima-cervello (Pubblicato il 24/10/2022 15:09:39 - visite: 44) »

:: [ Scienza ] Il cervello plastico (Pubblicato il 10/10/2022 12:24:43 - visite: 62) »

:: [ Scienza ] Neuroscienze. Cervello, mente e coscienza (Pubblicato il 18/09/2022 15:28:30 - visite: 177) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Tecniche di brain imaging e coscienza (Pubblicato il 10/07/2022 16:00:44 - visite: 130) »

:: [ Scienza ] Attaccamento (Pubblicato il 25/06/2022 16:52:40 - visite: 95) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Le ferite dell’anima (Pubblicato il 14/06/2022 09:12:09 - visite: 175) »

:: [ Scienza ] Dalla mente umana alla mente animale alla mente delle piante (Pubblicato il 13/06/2022 18:46:11 - visite: 98) »