Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Paolo Mazzocchini
Imago transiens

Sei nella sezione Commenti
 

 Paolo Mazzocchini - 15/09/2014 21:53:00 [ leggi altri commenti di Paolo Mazzocchini » ]

Forse è inopportuno che l’autore intervenga fra i commenti di una propria poesia proposta dalla redazione; ma lo faccio solo per precisare che questa poesia in certo senso non è più mia, da molto tempo, perché l’ho scritta alla tenera età di diciotto anni, molti lustri fa. Non potrei più scriverla adesso. L’autore è un altro me stesso...

 Loredana Savelli - 10/09/2014 23:27:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Bellissima poesia dell’innocenza e della contemplazione. Scrittura fluida e intensa. Complimenti!

 Lauretta - 09/09/2014 23:37:00 [ leggi altri commenti di Lauretta » ]

Mi è piaciuta questa poesia perchè, dallo sguardo e alla mente di chi legge, scorre lieve e chiara e porta al cuore una sensazione di pace.

 Gabriele Marchetti - 08/09/2014 07:18:00 [ leggi altri commenti di Gabriele Marchetti » ]

E’ un ottimo testo, in cui riesco a leggere echi leopardiani (specie nel passaggio ’’Così trascorri nel cuore / della festa’’), ben calibrato nell’alternarsi, o meglio nel concatenarsi, delle immagini, che ci porta al verso finale che riassume il senso della poesia. Qualcuno avrà da ridire che la lingua usata è ’’anticheggiante’’: ben vengano testi del genere, specie oggi con questa marea di poeti giovani e giovanilistici che pretendono di scrivere poesia annullando dietro di sé il peso della nostra tradizione