Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Alfredo Rienzi
Piccola riflessione contro lÂ’Elogio

Sei nella sezione Commenti
 

 Antonio Terracciano - 22/05/2019 19:08:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

E’ un’opinione che mi trova molto d’accordo. Sono del parere che ciò accada soprattutto a causa del cambiamento dell’educazione, a scuola e in famiglia, negli ultimi cinquant’anni. Quando ero studente di scuola media inferiore, il voto massimo reale in ogni materia era otto (il dieci, e anche il nove, esisteva solo in teoria) , e ciò forgiava i discenti; quando poi ho fatto l’insegnante, sempre di scuola media inferiore, venivo visto con un po’ di antipatia da non poche famiglie perché, secondo loro, davo voti troppo bassi (anche se, in casi eccezionali, qualche dieci mi scappava... ) Alla scuola elementare, poi, un bel pensiero scritto da un alunno veniva chiamato "pensierino" , mentre ora spesso le maestre gli dicono: "Sei un poeta! "