:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
I fiori -pestati-senz���occhi

Sei nella sezione Commenti
 

 Amina Narimi - 08/02/2013 20:12:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

@Ferdinando
Sono sempre neve fresca le tue parole come quella che speri di trovare la mattina sollevando piano gli occhi delle case
.... e correre fuori nella sorpresa sempre nuova sulle tracce fresche

 Nando - 08/02/2013 19:51:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Non sarei capace di aggiungere altre parole ai precedenti commenti, cos belli e riccamente dettagliati, segno di un’ammirazione che non posso non condividere. Di mio potrei solo aggiungere lo stupore di un lettore che, sempre cpita coi tuoi versi Amina, si trova dentro le nuvole di un’alta vetta, dove tutto si trasfigura in un indefinito altrove; e quasi l’anima ne paga.

Buona serata Amina, continua a camminare lasciano il segno delle foglie smosse dentro le tue poesie.

 Amina Narimi - 08/02/2013 19:47:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

All_ora Mr. Vlad si ri_tenga in debito d"0ssigeno!

 Vlad - 08/02/2013 14:55:00 [ leggi altri commenti di Vlad » ]

dio. che meraviglia.
in quel lichene di amina, gli occhi si fermano,
come scusa per riprendere fiato.

 Amina Narimi - 08/02/2013 12:01:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

@Giovanni Ivano
Caro Giovanni Ivano con le tue parole hai fatto divenire il dentro un apertura,rendendoti cos prossimo all’anima da fare vuoto per quell’ospite che sei en_theos

Grazie per avere usato la verbena :)

@Loredana
Grazie Loredana,come sempre vicina e preziosa,quanto generosa


 Loredana Savelli - 07/02/2013 21:14:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Ha proprio ragione Giovanni Ivano. Testo sinfonico, suadente.

 Giovanni Ivano Sapienza - 07/02/2013 20:37:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Ivano Sapienza » ]

Pondus meum amor.L’amore riscatta tutto e tutto giustifica,persino il dolore,l’avvertimento,reale o supposto,della vita come logoramento e dispersione. Un testo mirabilmente orchestrato,fitto di richiami simbolici,nel quale si fronteggiano i campi semantici opposti e complementari della cecit e della visione,dell’afasia e della comunicazione,dell’aridit e della rigenerazione. Bellissimo il cambiamento di passo,la modulazione della terza strofetta,che,preannunciata e preparata dal verso-gesto all’inizio della seconda("Metti verbena alle ciglia!"),trasmuta in speranza e fiducia la negativa constatazione dello scenario iniziale